Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
preview
Yaiba: Ninja Gaiden Z

Yaiba: Ninja Gaiden Z

Dopo aver parlato con i suoi creatori nel corso dell'ultimo anno, abbiamo finalmente avuto occasione di provare la sequenza d'apertura di Yaiba.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

E 'difficile capire se ci sono più colpi di spada o parolacce.

Il nostro hands-on con Yaiba dimostra che Spark Unlimited sta facendo un buon lavoro con Ninja Gaiden. In collaborazione con Team Ninja e Comcept di Keiji Infaune, Yaiba è il franchise slasher truculento di Team Ninja, rivisitato in stile fumetto, con dialoghi sboccati e orde di zombie. Permangono ancora il discutibile design dei personaggi femminili e un'estrema difficoltà.

Il controllo di Yaiba - pensate a Bionic Commando di Capcom con un ninja assetato di sangue e un vocabolario alla Tarantino - si basa su sprint rapidi e combo che danzano tra la barra centrale, pugni e colpi circolari. Ci sono blocchi, prese. E finisher sanguinosi.

Questa variante Z della serie Ninja Gaiden riempie buchi tra piccoli gruppi di nemici più duri da affrontare e orde di non morti striscianti che sono, per lo più, un modo per far pratica con le combo. La mossa a colpo circolare, in particolare, permette di farsi largo tra le fila più serrate di nemici. Il moltiplicatore del punteggio è grande e compare in grassetto sullo schermo, e facilmente si raggiungono le doppie cifre.

Yaiba: Ninja Gaiden Z

I rari momenti in cui non infilziamo quest'orda di carne in putrefazione con le spade vengono trascorsi saltellando tra le piattaforme che caratterizzano le diverse aree. Vengono segnalate apposite aree di arrampicamento e i trattini verticali delle frecce indicano il percorso per raggiungere il luogo successivo, prima di dare inizio ad un nuovo macello. È roba semplice che permette di dare un po' di tregua alle dita, e consente allo sviluppatore di dilettarsi con volteggiamenti della camera da presa e inquadrature cinematografiche che esplodono intorno a voi. L'apertura del gioco è una bomba che si abbatte su di un grattacielo che lentamente collassa attorno a voi.

In mezzo a tutto questo casino, ci vengono introdotti in modo insolito e comico le nuove tipologie di zombie, e troviamo anche qualche puzzle ambientale. Abbiamo anche una pila di aggiornamenti da sbloccare e armi zombie da rubare ai non morti (non si tratta esattamente di profanazione di tombe, visto che si muovono) e da utilizzare a breve termine (i nostri preferiti: i nun-chuck arcobaleno, che lanciano razzi colorati).

Dunque, Spark sta facendo del suo meglio per imprimere al gioco ciò che caratterizza un titolo Ninja Gaiden, e si trova a suo agio con il tono che solitamente si respira nella serie. Ha mantenuto anche la frustrante difficoltà del combattimento - anche se noi abbiamo trascorso solo un'ora in compagnia del gioco - ma lo scontro sul tetto contro pesi massimi zombie ci ha messo a dura prova perché non sentivamo più le nostre dita. Ma lo sappiamo, questa è la croce e delizia della serie.

Ma non è questo ciò che ci porta a imprecare diverse volte. Perché secondo lo standard di Ninja Gaiden, essere travolti e farsi frantumare le costole da orde di creature è quella che nel franchise viene reputata uno scontro equo. Ci troviamo - e dando una rapida occhiata alla stanza e agli schermi degli altri giocatori, scopriamo che non siamo i soli - incastrati tra pessime angolazioni, e incapaci di distinguere Yaiba dalla folla che attacca e con meccaniche di parata instabili.

Yaiba: Ninja Gaiden Z

Un chiaro esempio di tutte e tre queste problematiche è il primo combattimento sul tetto. Ci vengono inviate ondate di zombie, mentre elicotteri d'assalto ci attaccano con mitragliatori e missili. La camera rimane statica per la maggior parte del tempo, ma non appena facciamo un passo indietro per farci spazio, finiamo per scomparire dietro l'angolo dello schermo. O quasi. Perdiamo quasi completamente traccia di Yaiba. Potrebbe essere off-screen. Potrebbe essere nel bel mezzo di un violento sconto con zombie affamati. Quando invece dovresti avercelo davanti ai tuoi occhi. La grafica a fumetto - sebbene molto colorata - è contornata da toni più scuri, tanto che non riusciamo a distinguere la folla dall'assassino ninja cyborg. Servirebbe quasi un cristallo verde sulla testa dei personaggi, come nei Sims...

A questo punto, ci troviamo a doverci prendere una pausa dal massacro degli zombie per invertire un attacco missilistico, con parate nel momento giusto che permettono di rinviare al mittente attacchi missilistici fallici. Ma non riusciamo a vedere Yaiba per sapere quando premere il pulsante, e anche se individuiamo lo spadaccino, siamo costretti a farci spazio prima che uno zombie ci morda, mentre tentiamo di evitare il bombardamento.

E' un problema minore in zone più piccole e affollate, dove la camera zoomma e il gioco ci permette di fronteggiare un numero più esiguo di nemici. L'impulso di Yaiba - un teletrasporto illimitato e che ci porta più avanti di qualche metro - non ci porta mai dove vorremmo.

In questi momenti, possiamo concentrarci sulla matematica del combattimento necessaria per affrontare i diversi gruppi di nemici. I set vengono continuamente aggiunti e ricombinati: un pagliaccio abbinato con granate zombie, alcuni giganti con un pagliaccio, una vestita da sposa e in grado di teletrasportarsi circondata da zombie...queste soluzioni vanno calcolate in pochi secondi.

Yaiba: Ninja Gaiden Z

Quelli che sono coinvolti nella creazione del gioco conoscono il loro pubblico. Seppur in una veste diversa, di fondo Yaiba richiede la stessa abilità dei precedenti giochi di Ninja Gaiden. C'è anche un cenno all'originale, con una sotto-modalità a scorrimento laterale con classifiche e cut-scenes statiche pixelate.

Ci sono abbastanza problemi da farci preoccupare, vista l'uscita incombente del gioco - il titolio infatti, arriverà tra un paio di mesi e sembra proprio che il progetto abbia bisogno ben più di una rifinitura.

I titoli Ninja Gaiden possono lasciarci con le mani contuse e le nostre frustrazioni, ma c'è sempre un certo grado di rispetto sulla natura "hardcore" del loro gameplay. La precisione e la chiarezza sono elementi che Yaiba sta ancora cercando. E speriamo davvero che il gioco li trovi presto.

Yaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden Z
Yaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden ZYaiba: Ninja Gaiden Z

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

Yaiba: Ninja Gaiden Z

Yaiba: Ninja Gaiden Z

PREVIEW. Scritto da Gillen McAllister

Dopo aver parlato con i suoi creatori nel corso dell'ultimo anno, abbiamo finalmente avuto occasione di provare la sequenza d'apertura di Yaiba.



Caricamento del prossimo contenuto