Italiano
Gamereactor
recensioni
Watch Dogs

Watch Dogs per Wii U

Un ritardo ingiustificato e altre menzogne.

HQ

Oggi parliamo di un gioco che non ha bisogno di alcuna presentazione. Se esiste davvero qualcuno che non ha mai sentito parlare di Watch Dogs, è molto probabile che abbia vissuto in una caverna negli ultimi anni. Almeno, "videoludicamente" parlando. Il fatto è che quello che è stato etichettato come la mascotte di Ubisoft della nuova generazione, oggi viene considerato piuttosto il "brutto anatroccolo". Povero Aiden Pearce, quanto clamore è riuscito a sollevare. Sono successe tante cose da quel lontano E3 2012, quando Ubisoft ci ha venduto un prodotto da cui ci aspettavamo molto, soprattutto per ciò che riguarda il suo protagonista. Abbiamo dovuto attendere la fine del 2014 - sei mesi più tardi rispetto alle altre piattaforme - affinché Watch Dogs vedesse finalmente la luce anche su Wii U.

Prima di iniziare con la nostra analisi, va detto che - a grandi linee - questa versione è praticamente identica all'originale vista su console qualche mese fa, per quanto riguarda le missioni principali e secondarie, la storia e l'esperienza multiplayer. Più avanti ci soffermeremo principalmente sui piccoli cambiamenti rispetto al titolo uscito su Xbox e PlayStation, come potete leggere dalla nostra recensione, che abbiamo pubblicato alla fine di maggio. In questo caso in particolare, ci siamo concentrati sulle principali differenze presenti nella versione Nintendo, non senza dimenticarci quanto, a suo tempo, ci era stato promesso per questa versione.

Watch DogsWatch Dogs

Tutto ebbe inizio...

Come abbiamo già accennato, Watch Dogs è stato presentato per la prima volta nel corso dell'E3 2012. Yves Guillemot, CEO di Ubisoft, aveva presentato questa nuova IP con una domanda davvero interessante: "Chi governa il mondo in cui viviamo?". Il potere della mano nera, la violazione della privacy, i pericoli della rivoluzione digitale, sono alcune delle domande che ritroviamo in questa Chicago tratteggiata splendidamente dagli sviluppatori. Non appena sopraggiunse ottobre 2013, sono iniziate ad arrivare a raffica una serie di cattive notizie, quando Ubisoft annunciò il ritardo di Watch Dogs in contemporanea a quello di The Crew. Inizialmente previsto per il 21 novembre (al lancio di PlayStation 4), il gioco non è arrivato sulle diverse console old e new-gen prima del 27 maggio 2014. Pessime notizie per un franchise che aveva osato paragonarsi a GTA V.

In concomitanza con questa cattiva notizia, iniziò a circolare la voce secondo cui la versione Wii U fosse a rischio cancellazione, date le scarse vendite iniziali della console nipponica. Era sicuramente un fatto strano, soprattutto dopo che Ubisoft aveva dichiarato che tale versione del gioco sarebbe stata superiore a quella per PS3 e Xbox 360. Dominic Guay (senior director di Watch Dogs) aveva infatti dichiarato a DigitalSpy che il tablet/controller di Wii U "si adatta bene alla periferica [il cellulare di Aiden]" e riteneva che "visto l'utilizzo che Aiden faceva del dispositivo per tenere sotto controllo la città, è facile immaginare cosa si potesse fare con esso [il GamePad Wii U]". Infine, la presunta cancellazione è stata evitata semplicemente rimandando il lancio del gioco sulla console doppio-schermo di Nintendo, appena quattro mesi prima del lancio ufficiale del gioco, aggiungendo, inoltre, che questo titolo sarebbe stato l'ultimo "per adulti" per la console.

Come se tutto ciò non bastasse, l'aspetto che ha destato, nei mesi successivi, maggior scalpore è stato l'aspetto tecnico finale del gioco. Alla fine di aprile 2014, sono apparse online nuove immagini, alla fine confermate dal trailer "Welcome to Chicago". Era evidente che fosse stato apportato un netto downgrade grafico del gioco rispetto a quanto visto nel 2012. A farne maggiormente le spese, sono stati gli effetti di luce, ombre e fumo, anche se il calo qualitativo era di portata globale. Ci siamo dovuti accontentare di una risoluzione in 1080p a 30 fps per PS4 e a 960p su Xbox One, con lo stesso frame rate della sua concorrente. Per la versione PC, si è optato per il 4k e i 60 fps, ma con gravi problemi di ottimizzazione. Per Xbox 360, PS3 e Wii U, la risoluzione è in 1.152x648 pixel a 30 fotogrammi al secondo, ma con differenze palpabili sulla console Nintendo.

Una volta sul mercato, Watch Dogs ha raccolto recensioni peggiori del previsto, anche perché la versione finale era ben lontana da quanto visto nel 2012. Anche se le recensioni sono state negative, questo non ha impedito al gioco di diventare un best-seller, raggiungendo record interessanti e superando le nove milioni di copie vendute. Per quanto mi riguarda, non sono affatto d'accordo con il voto e la recensione che abbiamo pubblicato del nostro collega a suo tempo. Oltre ad una grafica nettamente inferiore a quanto ci aspettavamo, penso che l'aspetto più fastidioso del gioco fosse quello di imitare - senza tuttavia riuscirci - GTA V. Non c'è un sistema fisico realistico, soprattutto quando siamo alla guida. Inoltre, la storia è negativamente influenzata da uno dei personaggi meno carismatici della generazione attuale e del passato. Anche se alla fine si rivela un gioco divertente, è un prodotto ben lontano dalle sue iniziali aspettative.

Le differenze

La prima distinzione da tenere a mente di Wii U rispetto al resto è il GamePad. Nonostante le iniziali promesse di Ubisoft, le opzioni sono state limitate alla modalità Off-TV sempre disponibile e dall'utilizzo della mappa interattiva senza dover mettere in pausa il gioco. I comandi risultano abbastanza buoni, decisamente superiori rispetto a quanto sperimentato con la modalità remota di PS Vita. Andando più nel dettaglio, la mappa sul GamePad risulta più veloce da navigare, con la possibilità di segnare i vari obiettivi su di essa durante il gioco. Tuttavia, è inevitabile ricordare le parole di Dominic Guay. L'arrivo del gioco su Wii U avrebbe dovuto significare qualcosa di diverso, come ad esempio la capacità di manipolare le telecamere di sicurezza.

Il contenuto aggiuntivo, che inizialmente non avrebbe dovuto far tappa sulla versione Wii U, sarà sicuramente inferiore rispetto a quanto visto su altre piattaforme. Questa volta sarà limitato a due DLC: Conspiracy e Access Granted. Il primo è un ulteriore set di realtà aumentata basata sulla caccia ai cyborg. Il secondo è un pacchetto con nuove competenze, costumi e alcune missioni. Al momento, non sembra che il DLC Bad Blood faccia tappa sulla console Nintendo. Va tuttavia ricordato che l'online - limitato a 4 giocatori rispetto alle versioni PS4 e Xbox One - qui è assolutamente gratuito. Tuttavia, non dà la possibilità di pubblicare screenshots sul Miiverse.
Lasciando da parte i numeri per un momento, parliamo delle sensazioni. Giocare al titolo con il GamePad è davvero divertente. Lo schermo supplementare in un mondo aperto, così come la possibilità di consultare la mappa in ogni momento senza dover fermare il gioco, è un aspetto che abbiamo davvero apprezzato. I controlli si adattano bene all'esperienza, anche se la guida non ci offre risultati eccezionali. Wii U non ha attiva la sensibilità e in questo senso la differenza si sente.

Per quanto riguarda l'aspetto degli interni, il gioco offre una grafica nettamente migliore rispetto alla versione PS3 e Xbox 360. Soprattutto per la qualità dei riflessi e, a differenza delle console di settima generazione, mantiene una sincronizzazione verticale. Passeggiare per le strade di Chicago, tuttavia, non offre le stesse sensazioni positive. La profondità del paesaggio è inferiore in termini di qualità, il numero di NPC è più basso e non è raro imbattersi in cali di frame-rate, arrivando persino ai 20 fotogrammi al secondo rispetto a quelli standard.

Watch DogsWatch Dogs

Il nostro verdetto

Considerando le aspettative e il contenuto finale, Watch Dogs si rivela un'esperienza tutto sommato soddisfacente, ma non eccezionale o di grande qualità. Chicago è una delle città più funzionali che il mondo dei videogiochi ci ha consegnato, in cui ogni cittadino ha un profilo e questo comporta una diversa relazione con essi. Tuttavia non sappiamo che fine abbiano fatto tutte quelle grandi promesse prospettate nel 2012. In realtà, la storia si limita ad essere il classico thriller in cui il protagonista ha il potere nelle proprie mani. Il gameplay porta con sè le cattive abitudini cui Ubisoft ci ha abituato con altri titoli, con sempre più torri di controllo, molte missioni extra, siepi, ecc. A volte, Watch Dogs sembra un incrocio tra il parkour della saga Assassin's Creed, la copertura e il bullet-time di Splinter Cell e i punti di cattura di Far Cry.

Ma la verità è che il gioco diverte, in particolare nelle missioni di realtà virtuale che vantano un'interessante componente arcade. Così com'è questa versione, non possiamo giustificare i sei mesi di riardo perché non notiamo alcuna miglioria degna di nota. Piuttosto, sembra che la società di Guillemot abbia scelto di concentrarsi su quelle console in cui credeva che Watch Dogs avrebbe riscosso maggior successo, dimostrando che Wii U non era, non è e non sarà mai la priorità di Ubisoft. In fin dei conti, riteniamo che il gioco meriti la stessa attenzione della precedente versione.

Watch DogsWatch DogsWatch Dogs
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Le funzionalità del GamePad come mappa interattiva o per la modalità off-TV sono molto interessanti.
-
Nonostante il miglioramento grafico tempestivo, la velocità di fotogrammi al secondo è inferiore a quello dell'ultima generazione. Il GamePad potrebbe dare molto di più. Non ci sono tutti i contenuti extra.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Watch DogsScore

Watch Dogs

RECENSIONE. Scritto da Magnus Groth-Andersen

La grande scommessa di Ubisoft è finalmente arrivata. Scopriamo quali sono le sue caratteristiche.



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.