Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
The Witcher 3: Wild Hunt

The Witcher 3: Hearts of Stone

Geralt è tornato, ed è scontroso come sempre.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Un immortale con un cuore di pietra, un misterioso semidio, un principe maledetto e un Witcher scontroso. CD Projekt RED tira fuori tutti gli assi nella manica in questa prima vera espansione di The Witcher 3, Hearts of Stone.

The Witcher 3: Hearts of Stone mi riporta indietro a quando ero un giovincello. Acquistare un'espansione di un gioco che amavo era emozionante quasi quanto comprare un gioco nuovo di zecca. Sono sempre stato molto avido in questo senso, perché oltre aver la possibilità di continuare a giocare ad un titolo che mi piaceva, avevo anche la possibilità di esplorare nuovi luoghi e diventare più potente. A volte, come nel caso di Bloodmoon di Morrowind e Throne of Bhaal di Baldur's Gate, mi sono trovato di fronte ad una quantità di contenuti che mai avrei sognato, e mi sono spesso trovato a confrontarmi con un'esperienza che ha superato di gran lunga il gioco originale. Hearts of Stone di The Witcher 3 mi ha portato a rivivere quell'indescrivibile emozione infantile.

Se la buttiamo sui numeri, ciò che otteniamo da questa nuova espansione sono circa dieci ore extra di contenuti storia, nuove missioni secondarie, una mappa di Novigrad ampliata e nuovi schemi per armi e armature più potenti. Se andiamo al di là di questo aspetto, ci troviamo di fronte ad un'esperienza e ad un mondo di gioco brillantemente realizzati.

La trama principale di Hearts of Stone vede Geralt intrattenere rapporti con alcuni individui davvero raccapriccianti. Il mondo di The Witcher non è un bel posto in cui iniziare, ma alcuni dei personaggi che si incontrano in Hearts of Stone farebbero impallidire i ceffi del gioco originale, a confronto. C'è il tizio che ha il famoso cuore di pietra, naturalmente (da cui il titolo), e un uomo che si fa chiamare Master Mirror. Non mi dilungherò in troppe informazioni (per evitare di incorrere in spoiler), ma CD Projekt era sicuramente al top della forma quando ha scritto questa sceneggiatura ed è riuscito a tessere una storia minacciosa e al contempo emozionante in un brevissimo lasso di tempo.

Hearts of Stone introduce anche una cultura completamente nuova, quella della lontana nazione di Ofir. Si mescolano influenze provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente e si presenta come una nazione arabo-bizantina. Mi sono divertito molto a parlare con i pochi personaggi Ofir che si possono incontrare in Hearts of Stone e scoprire più informazioni su di loro. Mi hanno dato la netta sensazione che l'universo di The Witcher non si limitasse solo a Nilfgaard e ai mostri, ma che ci sono in realtà persone anche altrove. La cultura Ofir non è lì solo per caso o per far scena. Con essa arriva anche l'incantevole arte delle Runewords, che permette di trasformare rune in parole, offrendo effetti più potenti. In che modo Geralt riesce ad usarla, è abbastanza auto-esplicativa. Troviamo anche nuovi schemi per equipaggiamenti scritti in lingua Ofir, che tuttavia dovranno essere trovati e poi tradotti. Se questo non dovesse soddisfare a sufficienza il vostro bisogno di nuovi equipaggiamenti, Hearts of Stone mette a disposizione anche un singolare collezionista di manufatti Witcher, che può essere persuaso a venderci schemi per la corazza School of the Viper.

The Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt

Hearts of Stone espande, inoltre, anche la mappa del gioco. Il confine a nord-est di Novigrad si sposta verso nuovi villaggi, banditi da affrontare e magioni da esplorare. La zona è ricca di fiumi, foreste oscure, colline e campi, tutti punteggiati da piccoli segreti da trovare e mostri da uccidere. Mi sono davvero divertito tantissimo ad esplorare questa nuova area della mappa. La città di Oxenfurt è in grande espansione e mi piace che dia l'impressione di non avere mai fine. Ho pensato che fosse uno dei luoghi più interessanti di The Witcher 3, anche se mi è apparsa un po' inutile, in quanto quando si va lì, siete solo di passaggio. Questa volta potrete ripulire le fogne dai mostri, partecipare ad un'asta sontuosa, avere una nuova storia d'amore a Oxenfurt e avrete tanti nuovi motivi per visitare la sua taverna. La mia unica lamentela nei confronti dell'espansione di questa mappa è relativa alla scena del rapimento che si vede nel trailer, in quanto in realtà mi aspettavo di poter visitare una nuova posizione sulla mappa.

In termini di difficoltà, l'espansione è consigliata ai personaggi di livello 30, ma potrete unirvi alla storia di Hearts of Stone a qualsiasi livello. Potete anche iniziare una nuova partita con Geralt a livello 30 e cominciare sin da subito a giocare all'espansione. Ho provato a giocare in difficoltà Alta e già nella prima ora mi sono trovato ad affrontare due dei combattimenti più frustranti e difficili che abbia mai visto in The Witcher 3. Nel secondo combattimento contro una banda di élite Ofir sono sopravvissuto letteralmente per il rotto della cuffia, dopo aver esaurito tutte le mie bombe, pozioni e cibo, con appena una sola scheggia di salute rimasta. È stato follemente frustrante, ma anche incredibilmente gratificante. Con un Geralt ben equipaggiato e ben livellato, sono sicuro che Hearts of Stone non è impossibile da giocare, basta solo non usare la versione pre-livellata del personaggio.

Hearts of Stone è a mio parere l'idea che più si avvicina al tipo di espansione che amavo tempo fa, o come direbbe CD Projekt, un'espansione vecchia scuola. Offre molto di più rispetto alle stesse esperienze del gioco principale che abbiamo imparato ad amare, e allo stesso tempo porta ad un nuovo livello la qualità della trama. Abbiamo nuovi contenuti, nuove aree da esplorare, nuovi giocattoli e nuovi personaggi. Per tutto il tempo Geralt è scontroso e accigliato come sempre, ma non avrei potuto desiderare di meglio.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Storia oscura, caratterizzata da nuovi personaggi; Tanti contenuti a disposizione.
-
La nuova area non è incredibilmente vasta; Il livello di difficoltà delle boss fight; Avrebbero potuto esserci più quest secondarie.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto