Italiano
Gamereactor
recensioni
Super Mario 3D World

Super Mario 3D World

Ranma ½ non sopporterebbe questo gioco.

Le pareti degli uffici di Nintendo EAD a Tokyo sono ricoperti da "post-it", in vista delle numerose tempeste di idee a cui i responsabili di Super Mario 3D World sono continuamente soggetti. Dopo circa 30 anni, vi era l'intenzione di dare vita ad un nuovo gioco di Mario che riuscisse a cogliere appieno la sua eredità, ma che al tempo stesso cercasse di dimostrare che avesse aspetti unici e divertenti per motivi differenti ad ogni livello. Dopo l'esplosione della "supernova" Super Mario Galaxy e il suo sequel, la realizzazione del titolo 3D Land da parte del team ha offerto una buona prova del fatto che lo studio non avesse più bisogno di cavalcare l'onda dell'atmosfera "galattica" dei precedenti lavori, per continuare a sperimentare con Mario. Ciò che hanno fatto con 3D World su Wii U è ancora più divertente, e soprattutto capace ancora di sorprendere ad ogni livello. Considerando la direzione intrapresa dai precedenti capitoli con protagonista l'icona Nintendo, questo gioco può essere contemplato come una pietra miliare per ciò che riguarda il disegn e lo sviluppo.

Paradossalmente, seppur in precedenza ci fosse uno spazio infinito in cui tornare più volte, una rinnovata libertà, un gioco sospeso tra gravità e planetoidi, tutti questi sistemi che prima funzionavano, sono stati temporaneamente messi da parte, prediligendo salti e meccanismi più misurati. Preferendo, dunque, una certa semplicità alla base, e dunque dandoci un taglio rispetto alla formula in cui si procedeva passando attraverso i mondi.

Quelli che arrivano dall'ultima avventura 3D casalinga dell'eroe "baffuto" potrebbero sentirsi più sicuri in apparenza, ma non nei fatti. Se i titoli Galaxy stordivano il giocatore facendolo fluttuare tra strutture impossibili, tuttavia queste risultavano comunque un aiuto, grazie a molteplici piattaforme e un movimento aereo che permetteva di salvare un sacco di vite. 3D World propone una struttura chiara a prima vista, ma tutto ciò che facciamo all'interno di una data sezione ha una sua valenza, e ha una prospettiva che più di una volta inganna l'occhio. Come sottolineato dal titolo stesso - come in 3D Land - questo gioco vuole che siano ben chiari gli aspetti e le prospettive in 3D, in modo completamente opposto rispetto alla serie New!, che invece poneva l'accento su una struttura in 2D.

Super Mario 3D WorldSuper Mario 3D World

E così, i mondi sembrano realizzati con blocchi, giocattoli di legno e plastica in strutture chiaramente artificiali, senza simulare le caratteristiche naturali nè edifici realistici. I buchi nascondono segreti dove la telecamera non arriva, le torri diventano più verticali non appena il gioco procede, la velocità aumenta o si riduce.

Per vivacizzare il tutto, lo studio ha deciso di riempire il gioco di items e power-up. È difficile stimare le diverse quantità di oggetti con cui abbiamo giocato in questo Mario, ma è facile capire a priori a cosa potrebbero portare tali oggetti.

La tuta da gatto che trasforma il nostro idraulico in un Gatto è ovviamente tra gli oggetti più importanti, e dopo aver completato l'avventura, siamo contenti del fatto che questo aspetto sembra che influenzi del tutto il nostro modo di giocare, e che dunque non sia un nuovo elemento necessario per procedere in ogni livello. Sembra stupido, ma graffiare con gli artigli e, soprattutto, potersi arrampicare sui muri, porta una buona manciata di nuove situazioni.
Due nuovi elementi che ci hanno fatto divertire e ridere davvero tanto - soprattutto nella modalità multiplayer, che analizzeremo tra qualche riga - sono i tubi trasparenti e le clonazioni. Ci sono stati un paio di livelli in cui non abbiamo potuto evitare di piangere dal ridere, mentre ciascun giocatore esplora le biforcazioni di questi sistemi "tubulari" tra le palle di fuoco, con alcune animazioni divertenti e con la costante minaccia di alcuni nemici che ci inseguono nello stesso circuito. Sono memorabili i momenti in cui i cloni dei personaggi si incontrano e tenerli tutti in vita diventa gradualmente impossibile. Follie come i rulli di lavaggio meritano un applauso.

Super Mario 3D WorldSuper Mario 3D WorldSuper Mario 3D World

Accanto agli oggetti e alle trasformazioni di sempre (ad eccezione di un tanooki un po' più annedotico), abbiamo anche le palle, piante piraña e blocchi di varia natura che danno luogo ad un divertimento quasi costante. Il livello con i blocchi di fuoco e tutte queste migliorie sono da incorniciare; anzi, da rigiocare più volte e godersele. I livelli con protagonista il dinosauro Plesie sono una piacevole pausa e un omaggio alla leggendaria corsa del pinguino di Super Mario 64, la migliore tra le proposte simili incontrate anche nei due Galaxy.

Ci sono cose di cui non possiamo parlarvi, livelli che danno un'ottima dimostrazione del talento creativo di questo studio, leader assoluto nel genere. Semplicemente, vi invitiamo a scoprirli e goderveli quando il gioco uscirà.

Tra i difetti, va fatta menzione del design delle mappe del mondo stesso. Sebbene sia una gioia esplorare per la prima volta la mappa in 3D e camminare liberamente nel livello in cui preferite giocare, sembra che questa novità non sia stata pienamente sfruttata. Le mappe mantengono una struttura estremamente schematica con qualche segreto, a differenza del gigantesco dispiegamento visto in New Super Mario Bros. U. Inoltre, ben più di un paio di mappe sono troppo simili tra loro sia per il tema sia per il tono, anche se in realtà questi livelli, quando poi li si gioca, hanno differenze marcate.

Se vogliamo essere pignoli, possiamo dire che sentiamo la mancanza dei castelli alla vecchia maniera, esperienze esistenti da sempre in ciascun gioco di Mario. E' vero che tale decisione può dipendere dalla necessità di dare un po' di freschezza alla formula, e che il tipo di design su binari, molto più presente, sia eccellente e rappresenti anche un accenno al passato. Tuttavia, avremmo dato una manciata di monete in più se ci fossero stati anche i castelli dei fantasmi e più luoghi segreti.

Super Mario 3D WorldSuper Mario 3D World

Tutti quelli che hanno giocato ai titoli di Mario, oltre che ammirare la novità nel design e la presenza di un'enorme collezione di oggetti, apprezzeranno anche altri dettagli. Ad esempio, abbiamo un paio di nuove modalità di salto che risultano interessanti da imparare a padroneggiare, soprattutto in vista del fatto che non abbiamo avuto ulteriori novità a riguardo nei giochi precedenti. Tra gli altri dettagli, abbiamo anche alcune meccaniche inedite, come la capacità di "contagiare" un altro giocatore con la "super stella dell'invincibilità", utilizzandola in tempo.

E proprio riguardo a questo aspetto, ci tocca parlare della modalità multigiocatore. E' divertente. E' innovativa. E' pionieristica. Eppure, non funziona sempre alla perfezione.

La maggior parte del gioco può essere condivisa con un altro giocatore senza particolari problemi, sempre che siano allo stesso livello e che entrambi siano disposti a sincronizzarsi ad un certo punto. Tuttavia, ci siamo trovati in alcune situazioni frustranti, che si moltiplicano non appena si gioca in tre o quattro persone. A differenza del multiplayer eccezionale di New Super Mario Bros. U, qui non basta separare la camera. Si allontana un po', ma se lo fai un po' di più, dal momento che il mondo è in 3D, è possibile che alcuni elementi risultino un po' troppo lontani (e dunque, poco visibili). Abbiamo oggetti nel mezzo, e con questa struttura ciascun giocatore può seguire un suo preciso percorso, per conto suo. Lo schermo suddiviso non rappresenta la soluzione ideale, dal momento che ci sono alcune occasioni in cui bisogna collaborare e l'interazione risulta più facile quando tutti sono riuniti in uno spazio ridotto.

E' vero che i momenti più divertenti di Super Mario 3D World li abbiamo trascorsi in compagnia, però è anche vero che abbiamo provato il gioco con diverse persone e l'esperienza non è mai sempre accessibile, chiara e precisa come nel mondo 2D, soprattutto quando molti livelli - come vi abbiamo raccontato - sono costruiti a mò di torre e si sviluppano in verticale, lasciando frustrati quelli che non arrivano in tempo o sono alla loro prima esperienza.

In questo Mario avremo altre novità rispetto alle altre modalità multigiocatore. Già: la varietà dei personaggi, ciascuno con proprie abilità, è molto gradita, in quanto ciascuno sceglie il suo preferito o lo cambia a seconda della sfida che si presenta sul touch.

Super Mario 3D WorldSuper Mario 3D WorldSuper Mario 3D World

A livello tecnico e artistico, naturalmente il gioco non fa (né intende fare) la differenza rispetto a Galaxy, ma è un grande salto in termini di inventiva rispetto a 3D Land, soprattutto nei livelli successivi. Le animazioni, più curate e graziose che mai, fanno la loro parte. L'illuminazione gioca un ruolo molto importante in tutte le finiture, con raggi di luce e riflessi che si integrano ai personaggi in scenari incantevoli. Le spiagge più belle e radiose del Regno Fungo presto cedono il passo a precipitazioni più drammatiche, mentre la lava, i giocattoli, il vuoto e colori a neon decorano altri luoghi. Solo una cosa non ci è piaciuta: un prato gigante in cui compaiono alberi all'improvviso. Lo sforzo maggiore si nota soprattutto nella colonna sonora, in alcune occasione ai livelli di Yokota e della sua orchestra in Mario Galaxy, con pezzi eccezionali come quelli circensi o quelli dei fantasmi.

Siamo senza dubbio di fronte al miglior platform 3D del momento, un doppio risultato se si considera da quanto lontano arrivi questo franchise. Utilizza i suoi numerosi predecessori come fonte di valore incalcolabile, ma la sensazione che abbiamo è più di omaggio e di rispetto piuttosto che di "riciclaggio". Non raggiunge la perfezione e per alcuni aspetti dipende un po' dalle preferenze "mariane" con cui ogni giocatore è cresciuto nel corso degli anni, mentre quella che dovrebbe essere la sua più grande novità - il multiplayer - non risulta la soluzione migliore, anche se offre i momenti migliori. Detto questo, la varietà portata dai personaggi, dal sistema di gestione impeccabile e innumerevoli idee degli sviluppatori confermano un ottimo lavoro e un altro indispensabile titolo per Wii U.

Tra le pareti degli uffici dello studio Nintendo EAD di Tokyo lavora un signore che si chiama Yoshiaki Koizumi, il responsabile massimo di questa opera. All'ombra lunga di Shigeru Miyamoto, ha dato vita ad un'ottima prima prova. Ora non ci resta che aspettare che questo director e il suo team si facciano coinvolgere da una nuova valanga di idee e diano vita ad un universo completamente nuovo.

Super Mario 3D WorldSuper Mario 3D WorldSuper Mario 3D WorldSuper Mario 3D World
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Divertente da subito; Tanti livelli sorprendenti e innovativi; Varietà costante ed esplosione senza precedenti di itemes, ma con equilibrio; Bella grafica e musica; Alcuni dei momenti in multi.
-
Il multigiocatore si allontana dalla proposta di NSMBU; è quasi frustrante nei livelli difficili in 4; Le mappe del mondo 3D non sfruttate al massimo; Si sente la mancanza dei castelli.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.