Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Ratchet & Clank Trilogy

Ratchet & Clank Trilogy per PS Vita

PlayStation Vita accoglie un altro franchise da PS2. Com'è andata?

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

NOTA: Per maggiori informazioni, nel 2012 abbiamo recensito la versione per PlayStation 3

Sembra che la strategia di Sony con la sua console portatile sia quella di cambiare rotta. Lo ha ammesso lo stesso Presidente dello studio nel corso di un'intervista al Gameslab 2014 a Barcellona (che potete rivedere qui), affermando che la console avrebbe ricevuto meno titoli "first party" e che fosse pronta ad aprirsi ad un mercato più indipendente. Accanto a questo, ci sono anche tanti adattamenti in HD che la console più piccola dell'azienda sta accogliendo, permettendo a tanti titoli del catalogo PS3 (e non solo) di assumere un formato portatile.

PS Vita ha così iniziato ad ospitare collezioni come Jak and Daxter, Sly Cooper, ma anche la raccolta di God of War e, ovviamente, quest'ultima che andiamo ad analizzare. E' evidente che Vita deve molto alla PS2. Alla luce di quanto detto, possiamo dire che Ratchet e il suo compagno robotico avrebbero prima o poi fatto la loro comparsa sulla console portatile di Sony.

Facendo un po' di storia, oggi parliamo di una serie che, nonostante la sua prima parte fosse uscita un anno prima, ha iniziato a fare concorrenza a Jak e Daxter con i suoi sequel principali, rispettivamente nel 2003 e 2004, soprattutto per lo stile di gioco molto simili. Ma nonostante la sua aria innocente e anche per il fatto che Jak è riuscito a evolversi come un personaggio in quanto a maturità, Ratchet & Clank sono riusciti comunque a raggiungere cifre migliori in termini di vendita.

Ratchet & Clank TrilogyRatchet & Clank TrilogyRatchet & Clank Trilogy

Essendo un titolo già noto, la nostra recensione si concentra principalmente sugli aspetti positivi e negativi del porting sviluppato da Mass Media (lo stesso studio che si è occupato dell'adattamento di Jak e Daxter per Vita) e nativo su PS2. Partiamo dicendo che, come God of War Collection, parliamo di un titolo cross-buy. Questa rappresenta una bella caratteristica, in quanto permette di avere lo stesso gioco su più di una piattaforma, ma è un peccato tuttavia scoprire che non è dotata di "cross-save" (entrambe le versioni non posso condividere la stessa partita salvata).

Per quanto riguarda il dettaglio visivo su Vita, il trasferimento del formato originale in 4:3 sulla console continua a funzionare perfettamente, anche se alcuni modelli talvolta ne risentono. Anche se con alcuni problemi, nel complesso il risultato finale è molto dignitoso. L'unico difetto - che è anche lo stesso rintracciabile in altri titoli porting - è il fatto che le cutscene sono ridotte e sono di bassa qualità. Questo aspetto lascia decisamente l'amaro in bocca, tenendo conto anche del potenziale che Vita ha da offrire.

Riguardo ai controlli, la necessità di dipendere dal touchpad posteriore per ospitare virtualmente i comandi L2-R2 è qualcosa che possiamo in qualche modo perdonare. Anche se non è del tutto comodo, è sicuramente meglio rispetto al pasticciare con lo schermo anteriore o strane combinazioni e personalizzazioni di pulsanti. In generale, le partite funzionano bene, possiamo solo lamentarci di quanto piccoli risultino gli stick analogici di Vita con le meccaniche dei vecchi platform (provate a giocare a Crash Bandicoot). Ma in ogni caso, la colpa in questo caso è da imputare proprio alle vecchie meccaniche di gioco.

In tutta onestà, ci troviamo di fronte ad uno dei migliori adattamenti visti su PS Vita fino ad oggi. Il trasferimento dei controlli è tuttavia accettabile e comprende anche qualche aggiunta annedotica che sfrutta i benefici del touch screen frontale. Stiamo parlando di un franchise che ha comunque in sè di partenza un grande potenziale ed è per questo che la versione PS2 di Ratchet e del suo amico robotico non è affatto invecchiata male.

Se volete alleviare la carenza di anteprime estive e siete tra quelli che hanno preferito Jak su PS2 o volete solo rimettervi in gioco con Ratchet & Clank, è giunto il vostro momento e PS Vita permette di farlo ovunque vogliate. Non fatevi ingannare dall'aspetto un po' comico dei personaggi, il titolo di Insomniac Games non ha nulla da invidiare a Naughty Dog in quanto a difficoltà.

08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Un ottimo adattamento portatile che rende giustizia all'originale per PS2, ad eccezione della qualità delle cutscene.
-
La trilogia non include una modalità online; manca della funzionalità cross-save.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Ratchet & Clank TrilogyScore

Ratchet & Clank Trilogy

RECENSIONE. Scritto da Thomas Blichfeldt

Uno dei platform più amati ad essere nato su Playstation ha ricevuto il suo meritato remake in alta definizione. Ratchet & Clank è ancora un franchise molto piacevole.



Caricamento del prossimo contenuto