Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
recensioni
Phoenix Point

Phoenix Point

L'attesissimo gioco di Snapshot ispirato a Xcom è finalmente riemerso dalla nebbia dell'early access.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

I fan dei giochi di strategia molto probabilmente conosceranno Phoenix Point, un nuovo gioco tattico sviluppato da Snapshot Games che ha molto in comune sia con il primo XCOM sia con il reboot realizzato da Firaxis. In effetti, se provassimo a fare una rapida scansione degli screenshot, è molto probabile che molti di voi penserebbero che stiamo scrivendo di Xcom 3, date quante somiglianze ci sono tra le serie. In effetti, c'è sempre più numero crescente di giochi tattici ispirati a Xcom, ma nessuno di questi si avvicina a Phoenix Point, e dopo aver trascorso del tempo in compagnia del gioco anche durante la sua fase di sviluppo, ora è il momento di considerare il prodotto finale e decidere se ha la stoffa per competere con il suo diretto rivale, l'eccellente Xcom 2.

Sebbene imperfetto per alcuni aspetti, Phoenix Point ha molto da offrire. Per cominciare, c'è una storia ricca e interessante ispirata a Lovecraft che lo distingue dai suoi concorrenti. Al posto degli invasori alieni provenienti dallo spazio c'è un virus che spunta non appena le calotte glaciali iniziano a sciogliersi - maledetto riscaldamento globale! Questo cosiddetto Pandoravirus muta le persone, trasformandole in bestie orribili con conchiglie simili a granchi e altri poteri macabri, e alcuni anni dopo il mondo è messo in ginocchio da queste creature e l'umanità sembra destinata ad estinguersi.

Lo scioglimento dei ghiacci ha anche irrevocabilmente cambiato il paesaggio, in cui grandi tratti di terra sono stati inghiottiti dagli oceani sempre più in espansione, e il tuo senso del luogo viene ulteriormente disturbato dal fatto che l'umanità non è più allocata in stati-nazione. Anzi, ora hai a che fare con un trio di fazioni, a una delle quali piace i suoi umani puri, un'altra abbraccia la tecnologia e la terza è più a suo agio con la minaccia mutante invasore. Interagisci con loro nella veste di capo del Project Phoenix, un'organizzazione oscura a cui è affidata la ricostruzione di fronte alla minaccia mutante.

Phoenix Point

Il gioco è diviso in due parti. Passi parte del tuo tempo tra battaglie tattiche con i soldati che hai arruolato, addestrato ed equipaggiato, e poi armeggiando con i tuoi piani a un livello più strategico. Il lato tattico delle cose è dove passerai la maggior parte del tuo tempo per via del ritmo del combattimento. Tuttavia, crediamo che la componente strategica fosse la parte più coinvolgente delle due, ed è stato lì il punto che ha tenuto vivo il nostro interesse.

Parti con una base e un aereo e poi voli verso location contrassegnate sulla mappa del mondo - o "geoscape" - esplorando e parlando con la gente del posto man mano che le incontri. Dopo aver esplorato una regione, preso parte a un paio di battaglie (su cui torneremo tra poco) e risolto un paio di ritmi minori della storia, devi quindi scansionare le estremità dell'area e rivelare nuove obiettivi che puoi cercare in seguito. È così che ti muovi in tutto il mondo, arruoli nuovi soldati delle comunità che incontri e combatti chiunque o qualunque cosa ti ostacoli.

Phoenix Point

Il sistema a tre fazioni è certamente interessante, anche se non volevamo far diventare nemici i nostri simili e in generale evitare il confronto con tutti loro sembra il modo sbagliato di giocare. Ci è piaciuto incontrare nuovi personaggi durante la nostra esplorazione del mondo e l'introduzione di nuovi elementi è gestita bene, con un graduale onboarding delle meccaniche di base del gioco. Detto questo, le cose non sono sempre spiegate in modo chiaro e bisogna consultare molto spesso la wiki del gioco se vuoi dare un senso a tutto.

I tuoi progressi sono misurati non solo dalle principali missioni ma anche dallo stato delle tue operazioni, a partire da miglioramenti e ricerche di base. Puoi persino costruire le tue opzioni tattiche e creare nuove armi/equipaggiamenti mediante il reverse engineering di ciò di cui hai bisogno. Ognuno dei tuoi soldati avanza su un albero delle abilità di classe limitata, anche se la capacità di apprendere una seconda classe una volta che sono saliti di livello significa che avrai una forza di combattimento versatile.

Phoenix Point

Quindi si tratta di portare le tue truppe in battaglie su mappe a griglia piene di coperture dietro cui nascondersi ed edifici da esplorare. Le mappe hanno elementi procedurali e sebbene ciò significhi una maggiore varietà, a volte mancano di quella sensazione di prodotto artigianale. La maggior parte delle missioni è abbastanza semplice e termina non appena l'obiettivo è stato raggiunto, tuttavia alcune decisioni discutibili sull'intelligenza artificiale possono minare l'autenticità del combattimento. Abbiamo visto i nostri nemici fare alcune cose strane, lanciandosi a capofitto nei casini e lasciandosi prendere in contropiede facile e veloce. Questi momenti non sono così frequenti da essere imperdonabili, tuttavia, queste azioni illogiche possono minare la meta-narrativa in atto.

Phoenix Point potrebbe essere descritto come un gioco in cui spari ai mutanti con la faccia di granchio (tramite un sistema di targeting simile a VATS che ci è piaciuto molto) ma è anche una bella caccia ai bug. Una creatura psichica delle nebbie di Pandoran è riuscita a mettere una missione in un ciclo infinito di turni nemici e quindi ha forzato un riavvio, mentre un altro nodo nel livello di strategia ci ha impedito di schierare le nostre forze e abbiamo dovuto ritornare ad un punto di salvataggio, cancellando ore di progressi ottenuti. Abbiamo incontrato un certo numero di bug minori, che non rompono il gioco, molti durante il combattimento, e queste piccole stranezze hanno interrotto molto delicatamente il senso di immersione che il resto del gioco riesce a mantenere con fermezza.

L'intelligenza artificiale un po' semplice fa sì che le battaglie vengano di solito risolte abbastanza rapidamente, soprattutto se si fa buon uso della flessibilità aggiuntiva offerta. In altri giochi di questo tipo, si tende a ottenere due fasi d'azione per personaggio - qui è molto più sfumato. I giocatori possono muovere le proprie unità sul tabellone usando punti azione con una flessibilità molto maggiore e tutto è chiaramente comunicato, e c'è un sistema di forza di volontà che corre accanto a questo che ti consente di eseguire azioni e abilità aggiuntive.

Phoenix Point

I tuoi soldati subiscono anche danni in aree specifiche, quindi se si viene colpiti da un proiettile al braccio, potresti non riuscire a premere il grilletto con quella mano nel round successivo. Questo rende la gestione dell'inventario davvero importante, ma questa è un'altra area in cui lo sviluppatore ha fatto un buon lavoro e puoi prendere oggetti da casse o persino da amici e nemici caduti. In effetti, l'ambiente è piacevolmente interattivo e, sebbene ciò a volte significhi uno o due bug fastidiosi, la copertura distruttibile e la varietà tattica ad essa associata sono stati un compromesso degno di nota.

C'è anche una piacevole varietà in termini di nemici che incontrerai. Le tre fazioni sono integrate da una varietà di nemici mutati, ognuno con abilità che causano un ripensamento tattico alla prima scoperta. Ci sono alcuni nemici spugnosi che richiedono attacchi concertati, ma riteniamo che il mix generale di unità fosse decente e ci ha aiutato a mantenere il combattimento sempre fresco, il che è stato di grande aiuto in quanto un paio di missioni erano un po' noiose. Tutto sembra abbastanza buono, anche se il lato audio della produzione non si attiene molto allo standard, con una colonna sonora abbastanza prevedibile assistita da qualche voice over superficiale.

Abbiamo atteso con impazienza qualcosa con del potenziale tale da detronizzare Xcom 2, e il tentativo di Snapshot si avvicina sicuramente grazie a un tema forte e un livello strategico avvincente; tuttavia, ci sono un paio di cose che lo trattengono, in particolare il numero di bug ancora presenti. Possiamo perdonare alcune imperfezioni grafiche e alcuni elementi di ridimensionamento (vedi il punto sopra sulla voce fuori campo) dati i vincoli dettati dal budget, ma è chiaro che il gioco ha bisogno di essere rimesso un po' a posto per riuscire a distinguersi davvero. L'intelligenza artificiale non aiuta le cose, relegando alcuni scenari potenzialmente interessanti a battaglie di logoramento; tuttavia, qui ci sono ancora abbastanza intrighi e sfumature per far sì che Phoenix Point risulti comunque un prodotto interessante, soprattutto se sei un grande appassionato di titoli di strategia.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Livello strategico accattivante, alcune belle innovazioni sul lato tattico delle cose, vario in termini di gameplay, è un gioco piacevole.
-
I bug e l'intelligenza artificiale non ispirata minano un'esperienza altrimenti coinvolgente.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Phoenix PointScore

Phoenix Point

RECENSIONE. Scritto da Mike Holmes

L'attesissimo gioco di Snapshot ispirato a Xcom è finalmente riemerso dalla nebbia dell'early access.

Phoenix Point slitta a dicembre

Phoenix Point slitta a dicembre

NEWS. Scritto da Sam Bishop

Snapshot Games sta attualmente lavorando su Phoenix Point, successore spirituale della serie originale Xcom ideata dal suo creatore Julian Gollop, ma quest'oggi abbiamo...



Caricamento del prossimo contenuto