Italiano
Gamereactor
recensioni
Persona 5 Strikers

Persona 5 Strikers - La recensione

Il seguito dell'incredibile Persona 5 Royal lascia un po' a desiderare.

Essere fan può essere davvero difficile. Persona 5 Strikers, tra tutti, me lo ha fatto capire ancora una volta. Lo spin-off degli sviluppatori di Dynasty Warriors, Omega Force, è un fedele sequel dell'acclamato Persona 5, che continua la storia del gioco principale. Sembra un sogno che si avvera, ma mi ci sono volute settimane per accettare questo prodotto per quello che è. Questo non vuol dire che lo studio di sviluppo abbia fatto un pessimo lavoro, al contrario. È solo che il mio cuore batte per un altro gioco.

Sia in termini di gameplay che da un punto di vista narrativo, si tratta di un sequel diretto di Persona 5. Gli eventi iniziano sei mesi dopo la fine degli episodi di crisi psicotica. I Phantom Thieves si incontrano a Tokyo per trascorrere insieme le vacanze estive. Ore prima che questi piani possano essere messi in atto, Joker e i suoi amici si trovano a fronteggiare a un misterioso nemico che ruba i desideri delle persone. Si scopre che questo evento non è un incidente isolato, ma l'inizio di una trama importante che si svolge in tutto il Giappone. Per indagare su questa serie impressionante di cambiamenti, viaggeremo lungo il Paese in una carovana.

La storia di Persona 5 Strikers segue molto da vicino la formula del JRPG, ma in alcuni punti sembra un po' affrettata e meno sfumata. Anche la fine del gioco si trascina un po' troppo a lungo e l'esperienza nel suo complesso è più focalizzata e orientata all'azione. Dopo 50 ore di gioco ora posso avviare un New Game +, che è circa la metà di ciò che Persona 5 ha da offrire. In termini di gameplay, questo distillato ha ovviamente molto in comune con l'JRPG. Leggi le conversazioni, esplori ambienti urbani dettagliati e devi gestire la tua squadra per poter combattere correttamente con tutti e nove i personaggi giocabili.

Persona 5 Strikers
Persona 5 StrikersPersona 5 StrikersPersona 5 Strikers

La differenza più evidente è il sistema di combattimento in tempo reale che Omega Force ha creato dall'esperienza JRPG a turni di Persona. In questo nuovo ibrido Musou i Phantom Thieves affrontano orde di Ombre su campi di battaglia 3D e le fanno volare con colpi feroci e abilità di combattimento acrobatiche. Tuttavia, questo gameplay è superficiale, perché si basa sul modello RPG della serie principale (Shin Megami Tensei). Ciò significa che la tua abilità meccanica non è così importante se non presti molta attenzione alle debolezze elementali e alle resistenze delle tue varie Persona.

Il mix di questi due elementi è più organico di quanto non sembri a prima vista. Ad esempio, molte abilità richiedono mana, quindi devi pensare attentamente a come e quando usi le tue abilità. Le combo riuscite, d'altra parte, ti consentono di scatenare poteri elementali senza costi aggiuntivi. Questo è essenziale in una battaglia impegnativa, poiché altrimenti la tua scorta di mana si esaurirà troppo rapidamente, lasciandoti con meno opzioni. Puoi persino saltare la maggior parte delle parti del picchiaduro se prendi di mira le debolezze dei nemici con i tuoi incantesimi e quindi interrompi continuamente ogni loro azione.

Ad essere onesto, ho avuto dei problemi a metterlo in pratica, ma alla fine ne sono venuto a patti. Combattere contro Ombre minori non offre alcuna sfida nella prima metà del gioco, mentre le battaglie con i boss richiedono che tu abbia già compreso la componente di ruolo del gioco. Sfortunatamente, Persona 5 Strikers non trova il necessario equilibrio tra questi due aspetti e può essere abbastanza frustrante. Fortunatamente, la fusione ha successo in un secondo momento e dopo aver raccolto alcune Persona forti, i combattimenti si fanno più strategici. Hai ancora bisogno di apprendere e leggere i movimenti dei tuoi avversari, ma le battaglie a metà partita diventano gradualmente più dinamiche e divertenti da giocare.

Persona 5 Strikers
Persona 5 StrikersPersona 5 StrikersPersona 5 Strikers

Per valutare la presentazione tecnica, aiuta osservare il processo di sviluppo di Persona 5 Strikers. Lo studio di sviluppo Omega Force di Koei Tecmo ha avviato la produzione attiva alla fine del 2016, non molto tempo dopo che Atlus ha lanciato Persona 5 in Giappone. L'arte e i suoni sono simili a quelli del gioco principale, perché il dipartimento Persona (P-Studio) di Atlus ha aiutato molto da quel punto di vista. In Giappone, il titolo è stato lanciato un anno fa, ma il processo di localizzazione ha richiesto un po' più di tempo per i territori d'oltremare. Tra poche settimane, l'ultima avventura dei Phantom Thieves sarà finalmente disponibile con audio in inglese e sottotitoli EFIGS, ma gran parte del progetto sembra superata per gli standard odierni.

Ad esempio, la qualità dell'immagine sembra molto approssimativa sugli schermi 4K e i colori sgargianti vengono utilizzati principalmente per dipingere sulle texture a bassa risoluzione. Il level design lineare non può nascondere nemmeno questo fatto, ma ciò che è ancora più evidente è l'HUD disordinato, che rende inutilmente difficile tenere traccia di ciò che sta accadendo. Nella foga del momento, fumetti e comandi di azione coprono il nostro campo visivo, distraendo da cose più importanti. Durante la riproduzione della versione PS4 sulla mia PS5, la console non ha avuto problemi di prestazioni evidenti, indipendentemente da quello che succedeva sullo schermo. Se i giocatori di Nintendo Switch e PC avranno la stessa esperienza, non posso dirlo, purtroppo.

Osservando alcune delle altre cose su cui Omega Force ha lavorato negli ultimi anni, è molto evidente quanta attenzione Persona 5 Strikers abbia ricevuto durante il suo lungo sviluppo. Lo studio è riuscito con successo a scomporre uno dei migliori (e più complessi) giochi di ruolo della PS4 e ad adattarlo al proprio gameplay caratteristico, il tutto continuando i temi del gioco, la sua storia e i suoi personaggi. Nonostante la somma delle sue parti si traduca in un'immagine molto meno coerente ai miei occhi, ci sono alcuni momenti che faranno sorridere i fan di lunga data della serie. Ma per apprezzarli, hai bisogno di pazienza per sopportare alcuni punti deboli lungo il percorso.

07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
I Phantom Thieves sono tornati! Sequel diretto del gioco precedente. Il gioco offre la sua unicità. Nuovi compagni, tanto fan service.
-
Gameplay Musou legato a una curva di apprendimento ripida. I valori di produzione sono inferiori a quelli di Persona 5. Ritmo incoerente. P5 Royal viene ignorato.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.