Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
Need for Speed: Most Wanted

Need for Speed: Most Wanted

Con Need for Speed: Most Wanted, Criterion ha cercato di risollevare una serie. Dopo avere provato il gioco presso la fabbrica delle Porsche, siamo convinti che ci siano riusciti.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Proprio come i titoli sportivi, Need for Speed è diventato uno dei franchise annuali di EA. Ma i giochi della serie sono passati per le mani di tanti sviluppatori diversi, e la qualità non è stata mai uniforme.

Ora che la più recente aggiunta alla serie Need for Speed: Most Wanted è a poche settimane dall'uscita, EA ha invitato Gamereactor a testare la sensazione di velocità sia sullo schermo che su una vera pista, mandandoci a Lipsia (Germania) per visitare la fabbrica della Porsche e lasciarci provare il nuovo gioco.

Durante il tour - che comprendeva un giro di prova nella pista di test della celebre fabbrica tedesca - siamo stati accolti da Criterion Games, e in particolare dal produttore esecutivo Matt Webster e dal lead designer Craig Sullivan, che ancora una volta erano quasi troppo entusiasti di presentarci questo gioco.

Need for Speed: Most Wanted

In primo luogo, ci hanno parlato della location del gioco. La città di Fairhaven ha un sacco di influenze tratte dall'omonimo gioco del 2005 e da Burnout Paradise. Criterion, però, ha adottato una prospettiva completamente diversa: "Il nostro obiettivo era quello di spezzare la tradizionale progressione lineare. Tutti i play-through devono essere unici, in quanto ogni incrocio porta il giocatore verso auto nuove e nuove sfide", ha spiegato Sullivan.

È una speranza e una promessa, che sembra vera data la sensazione di libertà che abbiamo provato nelle prime tre ore in single player.

Il gioco mi ha guidato verso il mio primo veicolo (una Porsche, naturalmente), ma poco dopo ho potuto vagare in qualsiasi direzione. Presto, le scelte sono diventate tantissime. Le nuove automobili si trovavano dietro ad ogni altro angolo, e tutte sbloccavano nuove corse e sfide. Ogni auto ha le sue corse e le proprie modifiche, che migliorano le prestazioni o la rendono adatta a diversi fondi stradali. Sebbene la maggior parte delle vetture sono disponibili sin dall'inizio, persino le modifiche più semplici (come il nitro) devono essere vinte in gara.

Il paradosso della libertà è sempre presente nei giochi open world, e a darci una mano vi è una nuova funzionalità denominata Easy Drive. Premendo il D-pad si apre una serie di suggerimenti che ci indica cosa fare e ci mostra in tempo reale se qualcuno ha battuto i nostri record.

Easy Drive funziona come una sorta di menu principale, dal momento che attraverso di esso, un giocatore può scegliere nuove corse, modifiche e automobili, ma anche passare direttamente in multiplayer. Comunque, questa modalità non interrompe il gioco e tutte le scelte sono compiute al volo. Occorre un po' di tempo per abituarvisi, e non posso contare le volte che nel consultare il menù mi sono sfracellato contro un muro. Dopo un po', però, si è rivelato piuttosto utile nonché un modo conveniente per scegliere cosa fare. I possessori di Kinect possono utilizzare Easy Drive con semplice controllo vocale.

Need for Speed: Most Wanted

La rivelazione più significativa in Need for Speed: Most Wanted è data dalle relazioni tra la modalità di gioco singolo e il multiplayer. Il gioco è interamente fondato sulla competizione con i propri amici attraverso l'Autolog, rinnovato e migliorato. Se prima Autolog teneva soprattutto conto dei tempi di gara appena registrati, in Most Wanted quasi tutto nel gioco viene confrontato con altre persone.

È impossibile ignorare la mole di dati, e si viene quasi costretti a cercare di battere i record stabiliti di volta in volta. Ogni sfida, gli autovelox, le gare di salto, le corse e persino il numero di cancelli abbattuti viene registrato e quindi presentato in-game. La faccia del tuo amico che appare su di un cartellone gigante (agghindato per bene) in realtà non è una scelta, ma un invito a sfondare il cartellone e a provare battere il suo record. "Non c'è niente di più divertente", ha dichiarato Matt Webster. E aveva ragione.

Cercando di battere gli altri giornalisti, ho avuto difficoltà anche soltanto di lasciare andare il controller per prendere appunti, e sono contento di dire che, quando le acque si sono calmate, il sottoscritto era in cima alla classifica degli Speed Points.

Gli Speed Points sono una novità nella serie. Essi intrecciano ogni aspetto del gioco, e sono assegnati per ogni gara completata, sfida, eccetera. Sono necessari in single player, in quanto per partecipare all'evento Most Wanted, il giocatore ha bisogno di una certa quantità di punti. Se non amate giocare in single player, fa lo stesso. Anche in multiplayer gli Speed Points vengono accumulati, e la loro raccolta continua anche sulle altre piattaforme (ad esempio sull'applicazione per cellulari).

Need for Speed: Most Wanted

L'aspetto open world del gioco è davvero forte nella componente multiplayer . Invece di una lobby, i giocatori vengono gettati direttamente per le strade della città di Fairhaven. Criterion vuole tenere il giocatore al volante il più possibile, e non in attesa in una lobby o in un'opzione del menu.

Tutto è molto semplice. Dal momento in cui ho deciso di iniziare a giocare in multiplayer, sono passati pochi secondi prima che mi invitassero a raggiungere il luogo di raduno per la gara. Si potrebbe dire che tutta la città è una grande lobby, e durante la guida verso i luoghi di raduno il sistema Autolog continua a registrare le nostre sfide. Nei giochi aperti i tempi di raduno sono più bassi della modalità ristretta agli amici, ma in entrambe le modalità il gioco trasporta i giocatori al luogo di incontro - e li ordina per classe di difficoltà.

Le Speed List sono una sorta di mini tornei che consistono di cimentarsi in cinque eventi diversi, tra gare, sfide e prove di velocità. Nelle prove di velocità, i giocatori hanno 90 secondi per stabilire un record per la massima distanza, la velocità massima registrata da un autovelox, il più grande salto e così via. In altre sfide si devono compiere acrobazie o test che hanno un obiettivo cooperativo. Durante la gara queste sfide si sono rivelate le mie preferite, almeno parte della sessione di hands-on.

E naturalmente ci sono le gare in cui si compete in solitario o in gruppo. La gara Solo è una gara abbastanza semplice verso la bandiera a scacchi. Ma nella gara a squadre sono gli Speed Points a contrare. Questo significa che anche il pilota più veloce nella classifica finale può perdere, se non ha fatto la sua parte nel contrastare gli avversari.

Need for Speed: Most Wanted

Il multiplayer, in alcuni casi, è caotico ma divertente. In quasi ogni evento c'è un'opzione per fermare gli avversari e per impedire loro di raggiungere gli obiettivi. Per esempio, nella gara di salto, dopo aver registrato una buona distanza si potrebbe cercare di porsi come ostacolo sulla rampa, impedendo agli altri giocatori di saltare. I gentiluomini non avranno spazio in questo gioco.

I controlli e la sensazione delle vetture erano simili tra loro. Le vetture più pesanti fornivano una sensazione realistica, ma per il resto tutto è puro divertimento arcade, molto godereccio. Quando abbiamo chiesto a Criterion perché non si fosse cercato un maggior realismo, Webster ci ha semplicemente risposto: "La simulazione ci sembrava troppo banale, non divertente."

Dopo due giorni e più di sei ore di hands-on, Need for Speed: Most Wanted mi ha convinto. Non sono mai stato un fan della serie NFS e credevo che le release autunnali avessero annacquato la serie. Ora posso tranquillamente ammettere come Most Wanted mi abbia fatto cambiare idea.

Il gameplay in una città aperta, il nuovo Autolog che rende ogni elemento una sfida, hanno reso il gioco qualcosa di entusiasmante. Certo, ci sono anche elementi di poco conto: la storia è certamente sottosviluppata e gli inseguimenti con la polizia sono fin troppo facili, ma il gioco è ben pensato e tutto è al suo posto.

I fan dei giochi di guida arcade avranno qualcosa di perfetto per i propri gusti quando Need for Speed: Most Wanted arriverà nei negozi il 2 novembre prossimo.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

Need for Speed: Most WantedScore

Need for Speed: Most Wanted

RECENSIONE. Scritto da Rasmus Lund-Hansen

Criterion, ancora una volta, si è dimostrato un grande sviluppatore di giochi di corse arcade. Nonostante qualche difetto, Most Wanted è un ottimo gioco.



Caricamento del prossimo contenuto