Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
recensioni
La Via della Fortuna

La Via della Fortuna

Arriva su Nintendo Wii un party game molto particolare: nessun minigioco, nessuna sfida. Solo un tabellone, dei dadi e tante regole prese in prestito dal vecchio Monopoly.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Prima dell'avvento di Nintendo Wii, i cosiddetti "Party Game" erano ignorati dalla maggior parte dei giocatori. La console casalinga di Nintendo uscì poco più di cinque anni fa. Che dire, allora, di un party game uscito nell'insospettabile 1991? Questo gioco, chiamato Itadaki Street, uscì su NES e non oltrepassò mai i confini del Giappone.

A 21 anni di distanza, questo gioco - nel frattempo divenuto una serie - arriva per la prima volta in occidente e viene ribattezzato "La Via della Fortuna" per il mercato italiano. Lo diciamo subito: La Via della Fortuna è quanto di più vicino a un gioco in scatola si possa trovare su Nintendo Wii. Si tratta di una serie di tabelloni con le caselle e i dadi, e un elenco di pedine con protagonisti i personaggi più celebri di Dragon Quest e Super Mario.

Al di là dell'originale crossover tra due mondi così diversi, quello di Square Enix e di Nintendo, le regole del gioco ricordano sotto molti punti di vista uno dei più celebri giochi da tavolo esistenti: il Monopoly (o Monopoli, come lo abbiamo sempre chiamato noi italiani "figli degli anni Ottanta" che ancora ridacchiamo per l'omonimia con la città pugliese).

La Via della Fortuna

Per chi non avesse mai allietato una serata tra la Prigione e Parco della Vittoria, ecco un breve compendio delle regole: i giocatori a turno tirano un dado e si spostano lungo un percorso. Giunti su di una casella, possono decidere se acquistare un'attività (in Monopoly una casa o un albergo, in La Via della Fortuna un negozio) con i soldi distribuiti all'inizio del gioco. Le attività consentono di riscuotere un pedaggio a scapito degli altri giocatori capitati sulla nostra proprietà. Ogni volta che si è completato il percorso si riceve altro denaro, con il quale è possibile effettuare altri investimenti.

Il gioco termina quando uno dei quattro giocatori ha sottratto tutto il denaro agli altri giocatori e/o quando si è raggiunto un certo obiettivo di denaro. La Via della Fortuna, però, complica leggermente il concept del Monopoly, aggiungendo la possibilità di acquisire azioni di ognuno dei quattro quartieri presenti nel tabellone, in modo tale da riscuotere una parte ogni volta che uno dei negozi presenti registra un profitto. Il gioco, in secondo luogo, tiene conto non solo dei soldi disponibili ma anche del capitale (costituito dalla somma del denaro contante più il valore delle proprietà e delle azioni), costringendo il giocatore a investire e disinvestire per poter variare il proprio livello di liquidità.

La Via della Fortuna

Inoltre, per poter completare il giro è necessario passare attraverso quattro checkpoint, sui quali si guadagna un seme (quadri, cuori, picche o fiori). Infine, vi è la possibilità di soffermarsi su delle caselle "imprevisto", pescando a caso un evento che può, ad esempio, aumentare il proprio capitale, ridurlo, spostare i giocatori, aumentare le azioni, eccetera.

Ne consegue un gioco sufficientemente profondo, con partite in grado di durare anche più di un'ora. Va detto, però, che rispetto agli altri party game "a tabellone" (si veda, ad esempio, la serie Mario Party), il gioco non offre alcun tipo di interazione videoludica sottoforma di minigame. Ossia, il gioco è semplicemente una versione digitale di un gioco da tavolo: non aspettatevi prove di abilità, tutto si basa sulla fortuna e sulla capacità di gestire il proprio capitale, proprio come nel Monopoly.

La Via della Fortuna

Come party game, insomma, La Via della Fortuna è un gioco che potremmo definire "adulto". Dietro il faccione sorridente di Mario e degli Slime si celano la compravendita di azioni, la gestione del capitale e una strategia davvero molto interessante. I giocatori più piccoli, dunque, potrebbero avere qualche difficoltà nel comprendere le regole del gioco. Per questa ragione, gli sviluppatori hanno incluso una versione semplificata delle regole, che elimina buona parte delle regole "difficili" e rende il videogame più simile a un grosso "gioco dell'Oca" interattivo. Il tutorial, in ogni caso, dovrebbe essere in grado di fugare qualsiasi dubbio dopo pochi minuti di gioco.

Pur essendo presente una sorta di modalità "avventura" per il giocatore singolo (la quale dà accesso a obiettivi e oggetti sbloccabili per i propri personaggi), è evidente che il gioco sia da considerarsi un'esperienza prettamente multigiocatore. Interessante la possibilità di giocare in rete tramite Nintendo WiFi Connection: il gioco individua partite a caso in giro per il mondo e consente di creare stanze per giocare con i propri amici lontani.

La Via della Fortuna

La realizzazione tecnica è in linea con quanto ci si aspetta da un gioco di questo tipo: non essendovi minigiochi, è difficile valutare la grafica e il sonoro. Fa piacere vedere i propri beniamini di due serie mitiche gareggiare assieme, ma oltre a salterellare tra casella e casella ed esultare in caso di vittoria, non vi è niente che ci consenta di elogiare il reparto grafico del gioco. Le musiche a volte sono anche troppo martellanti: in compagnia di qualche amico è assai probabile che si senta la voglia di sostituire la colonna sonora del gioco con un buon CD.

Venduto a un prezzo pieno di circa 50 euro, non si può certo dire che il gioco sia un grande affare. Il meccanismo è divertente, la difficoltà è piacevolmente alta (nonostante le apparenze) e le partite sono ragionevolmente lunghe. Il problema è che il gioco non dà alcun beneficio rispetto a una più economica scatola del Monopoly, né riesce a tenere testa al gioco a cui si ispira, da tempo già disponibile in forma digitale. Quando il gioco subirà un buon calo di prezzo, potrebbe diventare un ottimo compagno per le serate fra amici. In caso contrario, meglio rispolverare il vecchio tabellone e litigarsi la pedina a forma di candelabro.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
05 Gamereactor Italia
5 / 10
+
Divertente in compagnia e abbastanza profondo
-
Pochi elementi "videoludici", musica fastidiosa, single player dimenticabile
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

La Via della FortunaScore

La Via della Fortuna

RECENSIONE. Scritto da Lorenzo Mosna

Arriva su Nintendo Wii un party game molto particolare: nessun minigioco, nessuna sfida. Solo un tabellone, dei dadi e tante regole prese in prestito dal vecchio Monopoly.



Caricamento del prossimo contenuto