Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
recensioni
Inazuma Eleven Strikers

Inazuma Eleven Strikers

Il "successore spirituale" di Holly e Benji arriva su Wii per poter giocare sulla TV di casa con altri tre amici. Siete pronti a fermare il Dragon Crash?

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

La maggior parte dei ragazzi della mia generazione (e di quella un po' prima e un pò dopo) è cresciuta guardando Holly e Benji (Captain Tsubasa per i lettori dei fumetti). La serie di cartoni animati giapponesi travolse paesi come l'Italia o la Spagna, perché avvicinava la complessità del calcio a un pubblico preadolescente e, grazie a una overdose di storie drammatiche ed effetti speciali, ha ottenuto l'apprezzamento di ogni piccola parte della partita, ogni minuto, come fosse qualcosa di grande e rallentato nel tempo.

Anche se alcuni ragazzi di oggi ancora godono dei giochi di Capitain Tsubasa e delle sue partite eterne e i suoi stadi ovali e infiniti, lo stile è un po' passato di moda. I bambini che sono cresciuti con Pokémon e Gormiti hanno bisogno di più azione ed effetti speciali... i giovani di oggi non hanno tempo per commuoversi. Gli appassionati di calcio ora seguono/giocano Inazuma Eleven .

Il gioco appena uscito su Wii, sottotitolato Strikers, è adattato dagli anime e dai giochi per Nintendo DS. Se i giochi portatili sono grandi titoli RPG , qui il fattore RPG è ridotto al minimo... una buona scelta.

Inazuma Eleven Strikers

L'idea è di concentrarsi sull'azione e sullo spettacolo, riunire quattro amici per giocare Inazuma Eleven, senza pensare alla storia, ai turni o alle statistiche. In sostanza, parliamo di un gioco di calcio arcade pieno di supertiri... il che lo mette inevitabilmente a confronto con Mario Strikers Charged.

La comparazione è inevitabile, ma naturalmente il mondo delle squadre di calcio giovanili delle scuole giapponesi di Inazuma è abbastanza lontano dalle partite-battaglia del Regno dei Funghi. Detto questo, ogni volta che compariamo i giochi in qualità, Level 5 perde puntualmente rispetto a Next Level Games.

La prima cosa che salta all'occhio è che la produzione non al livello degli altri giochi per Wii, ma neanche sulla media del Professor Layton, prodotto dallo stesso studio. A parte le sequenze animate e doppiate in un ottimo italiano (sembra di guardare una puntata della serie), tutto il resto lascia molto a desiderare. La grafica è grezza e poco dettagliata, le partite risultano confuse e grossolane. Per il controllo dei giocatori è vale lo stesso discorso: così poco curato che risulta identico muoversi con lo stick analgico o la croce direzionale. La musica è terribile e non si può nemmeno usare il puntatore nei menù. Questi dettagli sono molto deludenti per presentare un gioco che si è concentrato sulla spettacolarità dell'azione. Non sembra un gioco fatto da Level 5, ma al massimo da Level 2.

Inazuma Eleven StrikersInazuma Eleven Strikers

Inoltre, per essere un gioco di calcio con molte particolarità, il sistema di gioco non invita i ragazzi a padroneggiare le quattro/cinque azioni chiave fin dall'inizio, perché non c'è alcun un tutorial interattivo. Bisogna limitarsi a leggere e mandare a memoria le varie lezioni (anche se vengono mostrati dei suggerimenti a schermo durante le partite).

Non si può giocare Inazuma Eleven Strikers come un simulatore, ovviamente, ma neanche come gli altri giochi di calcio arcade. Triangolare o passare è piuttosto complicato; qui le capacità individuali sono la fanno da padrone, un concetto che viene sviscerato con le supertecniche.

Senza dubbio innescano i momenti più spettacolari di gioco: sequenze che sembrano uscite da un anime (di supereroi, non di calcio). C'è da recuperare il pallone dagli avversari? Basta schiacciarli con un piede gigante o tentare un'entrata moltiplicando i piedi. Ci sono tre difensori?Invisibillità e movimenti da ninja. E poi i tiri che diventano un angelo, una tigre o un drago. Certo, il portiere può sempre alzare un muro di pietre o richiamare uno tsunami.

E qui entra in gioco anche il leggero tocco RPG che ha mantenuto il gioco in versione casalinga, perché i supertiri consumano TP (punti tecnica), si dividono in livelli e dipendono dal personaggio che li usa. Inoltre, in stile Pokémon, hanno un effetto maggiore o minore in base alle affinità (aria> foresta> fuoco> montagna). Ci sono tecniche di tipo palleggio, blocco, portiere e tiro e anche le supertecniche combinate (in multi-player) e altri effetti speciali come la "fase di rabbia", che permette di correre avvolti dalle fiamme e senza che nessun difensore possa fermarci.

Inazuma Eleven StrikersInazuma Eleven StrikersInazuma Eleven Strikers

Tuttavia, il sistema di gioco deroga troppa importanza alle tecniche, abusandone. Già dai primi incontri e ci si stanca subito del tipo di gioco o di vedere sempre le stesse animazioni, e il flusso della partita non è frenetico come ci si aspetta da un gioco arcade. In Mario Strikers la rete si otteneva giocando di strategia oppure con uno scambio rapido. In Inazuma, quasi mai.

Ci sono anche le partite da uno a quattro giocatori, divisi in due squadre. Se si va a casa di un amico, è possibile portare la propria squadra nel telecomando, una soluzione ideale e che avrebbe dovuto essere più sfruttata su Wii. C'è anche un'opzione che può fare entrare un secondo giocatore come allenatore o manager del primo giocatore durante le partite, facendo gesti tattici e di incoraggiamento muovendo il telecomando Wii o indicando le aree di attività con il puntatore.

Il gioco è tutto qui: partite, allenamenti, tornei base. Non vi è alcuna "modalità storia" a narrare le grandi avventure di questi personaggi, non c'è una "modalità carriera" che invitare a continuare a giocare, esclusi il mercato degli acquisti, il negozio e la possibilità di generare curiose amicizie nello spogliatoio. Inazuma Eleven Strikers non ha alcuna modalità online, e di nuovo perde rispetto a Mario Strikers (il primo titolo ad avere il gioco online su Wii).

Inazuma Eleven Strikers offre alcune giocate spettacolari e certe idee interessanti tratte dal suo universo (e non sono le partite di calcio). Ma senza dubbio si scorda l'importanza delle storie dei suoi personaggi e non cura il gameplay a scapito delle tecniche speciali. Un comparto tecnico povero e la mancanza di opzioni limita ulteriormente l'interesse nel gioco. In defintiva un titolo dedicato solo ai super fan di Inazuma che hanno divorato i capitoli per DS e hanno amici con cui condividono la loro passione. Per chi desidera una partita di calcio fuori di testa da giocare con i propri amici, compri Mario Strikers.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Inazuma Eleven Strikers
Inazuma Eleven Strikers
Inazuma Eleven Strikers
Inazuma Eleven Strikers
06 Gamereactor Italia
6 / 10
+
Doppiaggio ottimo, spettacolari tecnice con superpoteri, fedele all'universo di Inazuma, idee originali.
-
Valore di produzione mediocre, poce opzioni, non convince molto come arcade
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto