Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
articoli

Games Week: anno due

Ritorna il weekend dedicato ai videogiochi e, soprattutto, ai videogiocatori. L'edizione numero due della Games Week segna la consacrazione dell'evento videoludico italiano più importante.

Anche quest'anno la Games Week è giunta a Milano. E scusate se è poco. In un periodo di crisi, in cui gli eventi sembrano voler fuggire dalle fiere (si pensi alla Gamescom, che registra perdite nonostante l'enorme partecipazione) i videogiochi hanno raggiunto la capitale economica italiana per il secondo anno di seguito.

L'anno scorso era una sorta di esperimento. Un esperimento riuscito, secondo me. La gente era venuta, i giochi c'erano e tutto sommato ci siamo divertiti. Quest'anno, però, è il momento della consacrazione. E, forse, è ancora più difficile dell'anno scorso.

Prima di tutto, quest'anno ho notato una fiera molto più "italiana" dello scorso anno. Lo scorso anno avevo partecipato a incontri con aziende russe e francesi, mentre quest'anno è stato un andirivieni di facce note. Non c'è nulla di male in tutto questo, ma è evidente che la Games Week ha preso una direzione ben precisa: non è un evento per la stampa.

Games Week: anno due

All'evento di quest'anno, infatti, non ci sono porte chiuse (eccezion fatta per la sala stampa e per pochi altri luoghi destinati agli operatori del settore). Tutto quello che c'è si può provare, e nel complesso si respira un aria molto più festaiola.

Anche quest'anno, i giochi più importanti sono presenti. Nintendo è, indubbiamente, il centro gravitazionale di questa fiera. Nonostante il suo padiglione sia più piccolo di quello di Sony, è lì che ho trovato il maggior numero di persone. E non potrebbe essere altrimenti, visto che Nintendo ha dedicato una ventina di postazioni alla sua nuova console Nintendo Wii U, con tutti i giochi più importanti della sua line up di lancio.

Games Week: anno dueGames Week: anno due

Allo stesso modo, i padiglioni di Ubisoft, Namco Bandai Partners, Microsoft, Activision ed EA non deludono. Quest'ultimo ha dedicato un'intera sala a FIFA 13, aprendo le porte ai tornei. Activision ha un'intera sala dedicata a Black Ops 2, mentre in Ubisoft si può provare ZombiU. Microsoft non poteva mancare con il suo Halo 4, Sony ha puntato molto su Wonderbook mentre in Namco si è visto il nuovo Naruto, in uscita solo il prossimo anno.

Fatta eccezione per pochi titoli, nel complesso, alla Games Week non ci sono molte novità. La maggior parte dei giochi in esposizione è già presente nei negozi, o vi arriverà nel giro di un paio di settimane. Ancora una volta, si capisce quanto la Games Week sia più che altro una Gamers Week: si va in fiera per divertirsi, non per giocare "con largo anticipo" ai titoli del futuro, come avviene alla Gamescom o al Tokyo Game Show.

Al contempo, però, sono convinto che gli organizzatori potrebbero rendere la fiera "giornalisticamente" più interessante, semplicemente anticipandola di un paio di settimane. Non scriverò un solo pezzo su quello che ho visto oggi. Non me ne vogliano i colleghi che ho visto prendere appunti di fronte a Black Ops 2, ma che senso ha scrivere una preview di un gioco che arriverà nei negozi tra poco più di tre giorni? Un paio di settimane fa, invece, avrebbe avuto senso.

Games Week: anno due

Eppure, questione "giornalistica" a parte, la Games Week mi ricorda una versione più tranquilla e rilassata della Gamescom. Infinitamente più piccola, è vero, ma con un clima semplicemente migliore. I tedeschi possono dire quello che vogliono, ma la ferrea e precisa organizzazione teutonica a volte finisce per stressare i partecipanti. Anche quest'anno, la Games Week mi ha convinto che se la Gamescom la facessero in Italia, ci divertiremmo tutti di più. Giornalisti ed espositori compresi.

Games Week: anno dueGames Week: anno due

La Games Week è aperta venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 novembre, dalle ore 9 e 30 alle ore 19.00, presso la Fiera Milano City di Milano, fermata MM1 Amendola Fiera, Gate 2.



Caricamento del prossimo contenuto