Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Call of Duty: Black Ops 3

Call of Duty: Black Ops 3

"Il miglior Call of Duty dai tempi di Modern Warfare 2".

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Lanciate pure tutte le accuse che volete nei confronti di Black Ops 3, ma ricordatevi che il tema del prossimo futuro tecnologico è stato una colonna portante della serie fin dall'inizio, da sempre. Quindi tenete fuori da questa discussione quel famoso gioco che inizia per "T": Call of Duty: Black Ops 3 non è affatto un'esperienza à la Titanfall, quanto piuttosto si tratta di un Call of Duty davvero spettacolare e all'ennesima potenza.

Quando Black Ops è uscito per la prima volta nel 2010, il team di Treyarch era partito da un racconto ambientato nel corso della Guerra Fredda negli anni '60, in cui operatori US SAD/SOG avevano portato in battaglia con loro dei prototipi tecnologici molto particolari. Le avversità, anche in quell'occasione, non sono mancate... ma, lo sapete, una potenza di fuoco superiore di solito permette di avere la meglio. Nel 2012 Black Ops 2 ha scelto di concentrarsi sul concetto di tecnologia bellica del futuro, e gli eventi qui raccontati si svolgono nel 2025, in cui fanno da padroni robot e veicoli senza equipaggio. Visti i presupposti, il nuovo CoD non poteva certamente fare brutta figura, ed è così che Treyarch ha voluto spingersi addirittura oltre.

Eppure dopo Blops 2 e Advanced Warfare visto lo scorso anno, una delle domande più importanti che hanno attanagliato le menti di tutti, a partire dalla critica, è se Black Ops 3 non fosse una dichiarazione di intenti addirittura un po' troppo esagerata. Non solo da un punto di vista grafico, grazie alle console di attuale generazione, ma anche se avesse ottime idee, capaci di sostenere non solo la campagna, ma anche altri 12 mesi di PvP. Su questo secondo aspetto ci stiamo ancora lavorando, ma possiamo rassicurare già tutti dicendo che la campagna di Blops 3 è incredibilmente ambiziosa - e questa non vuole essere solo una frase presa in prestito da Treyarch, quando ha annunciato che la suddetta campagna non sarebbe arrivata su PlayStation 3 e Xbox 360. Semplicemente, non esiste un altro aggettivo capace di rendere la stessa idea.

Call of Duty: Black Ops 3

Con stupefacente alacrità, Treyarch mette sul piatto una maratona composta da 11 missioni brillantemente progettate, che richiedono lungimiranza strategica per sopravvivere. Anche se i giocatori esperti (veterani) sanno già come far mangiare polvere e dare del filo da torcere ai nemici più tosti, questi nuovi giocattoli messi a disposizione da Treyarch sono così divertenti che valgono la pena di essere provati almeno una volta. A ragion di questo, aspettatevi di rivedere un po' il vostro stile di gioco e in più occasioni.

Il lungo tutorial in stile narrativo che ci accompagna nella primissima parte del gioco si concentra essenzialmente sul vostro personaggio - potrete scegliere se maschio o femmina - e di come abbia scelto di prestare il suo corpo alla "robotica militare d'avanguardia", dopo un raccapricciante scontro che vi lascia fondamentalmente senza arti, e quasi in fin di vita. Per essere più esemplificativi, sarete essenzialmente come Robocop: infatti, la regia di questa sequenza ricorda molto il film di Paul Verhoeven. La missione precedente in Etiopia, un tentativo di salvataggio ambientato all'interno di un complesso carcerario, è caratterizzata da scene di tortura, che possiamo vedere (purtroppo) mentre ci muoviamo tra le telecamere di sicurezza. Uno spettacolo davvero terribile.

In parte umano e in parte macchina, avete a disposizione un sistema di comunicazione di bordo denominato Direct Neural Interface, DNI, che permette di accedere a sessioni di training virtuali che sono impossibili da distinguere dalla vita reale, fino a quanto l'istruttore non blocca l'azione per continuare con il briefing. Tali missioni funzionano un po' come le indagini sulla memoria assistita del film Minority Report, ma in un modo che ricorda più il ruolo di Jake Gyllenhaal in Source Code. Si tratta di un dispositivo davvero interessante che offre ai giocatori anche il contesto della missione, rivivendo le scene in cui i terroristi du jour vengono visti complottare e fuggire da precedenti attacchi, visualizzando le loro posizioni al giorno d'oggi.

Call of Duty: Black Ops 3Call of Duty: Black Ops 3

Da un punto di vista fisico, l'armatura potenziata, che ricopre la maggior parte del vostro nuovo corpo, migliora notevolmente la vostra forza e agilità. Potenzia la velocità di corsa, che permette a sua volta lunghi wall-run, un aspetto che offre numerose opzioni mentre si cerca di raggiungere il proprio obiettivo. Anche prima di prendere in considerazione i miglioramenti Cyber,che offrono una gamma ancora più ampia di opzioni, la navigazione di Black Ops 3 mette da parte lo spettro della linearità in favore di un level design con aree caratterizzate da un approccio decisamente più aperto. Se da una parte alcune location permettono di sfruttare un fucile d'assalto, i vantaggi del passaggio al cecchino in spazi aperti e al fucile da caccia o SMG per gli incontri più ravvicinati diventano subito evidenti, e tutte le missioni appaiono decisamente meno vincolate.

Ma, come dice un comandante: "Con il DNI è la vostra mente ad essere l'arma più importante." Ci sono tre categorie principali di Cyber Core che possiamo usare per manipolare il campo di battaglia oltre all'uso di di armi e munizioni; si attivano tutti premendo contemporaneamente i pulsanti spalla sinistro e destro (che di solito corrispondono alle vostre granate).

Il Core chiamato 'Control' viene usato per indebolire o manipolare i robot, mentre il 'Chaos' crea il panico tra i nemici umani o può causare devastanti danni fisici. Infine, c'è il core 'Mortal', che migliora la furtività o, viceversa, l'aggressività, quindi sono principalmente vantaggi precisi relativi alla vostra armatura e per gli attacchi da mischia. Con uno di questi a disposizione, la strada davanti a voi prende una piega drasticamente diversa, e combattere contro il nemico diventa molto più divertente. Abbiamo torrette di difesa che fiancheggiano percorsi insidiosi, che si occupano di fare fuori i bersagli a vista; o ancora robot che si lanciano in battaglia facendo fuoco contro soldati a piedi.

Insomma, c'è l'imbarazzo della scelta su come annientare i propri nemici. Gli obiettivi devono essere ad una certa distanza, e queste abilità ci impiegano un po' a ricaricarsi...insomma, non è detto che la vittoria sia assicurata. Inoltre, anche il vostro modo di vedere i nemici cambia: non sono più semplici spugne per proiettili, ma si cominciano a prendere in considerazione le loro varie caratteristiche per usare il tutto a proprio vantaggio.

Call of Duty: Black Ops 3

È sorprendente quanto rapidamente queste abilità diventino naturali mentre giochiamo, anche perché ogni abilità di base ha un uso chiaro e credibile, e non viene mai percepita come qualcosa che funziona solo in apparenza. Passerete le nottate a valutare le varie opzioni a vostra disposizione, il che è un bene. E i vostri sforzi nello spingervi oltre i vostri limiti verranno addirittura premiati, con ben 16 riconoscimenti per ogni missioni: si tratta di una specie di mini Trofei/Achievement come, ad esempio, 'multi-tasker' (uccide qualcuno mentre si fa una wall-run), 'make'em count' (uccisioni multiple utilizzando gli esplosivi) e 'conservationist' (se completate una sequenza specifica senza ricaricare). Ciascun obiettivo vi permette di sbloccare chicche per personalizzare al massimo il vostro personaggio.

Call of Duty: Black Ops 3 si rivela sicuramente uno dei capitoli della storia della serie più complesso da un punto di vista dello sviluppo, ed è incoraggiante osservare quanto i contenuti qui offerti rispecchino molte delle richieste provenienti da una community ancora molto popolata. L'identità offerta attraverso la personalizzazione del personaggio è un aspetto che fa davvero tanto la differenza, in cui in realtà - oltre a personalizzazioni carine delle proprie armi, che sono un puro vezzo estetico - sono le prestazioni a rappresentare il vero obiettivo principale e l'opzione Build a Weapon offre ai giocatori la possibilità di creare una grande affinità con il proprio personaggio.

Il sistema per gestire il proprio profilo per tutta la campagna è molto elegante: si parte da Safe House in cui è possibile analizzare i propri Collectibles, sfogliare il Data Vault dei file, passando per Armoury e Cyber Core Station per confrontare tutti load-out disponibili. E se le vostre attività in campo non fossero sufficienti a saziare quel vostro irrefrenabile desiderio di fare fuori i nemici, la Safe House offre anche una struttura chiamata Combat Immersion, un campo di addestramento con la realtà virtuale che permette di affinare le proprie tecniche.

Mettiamola così: se la modalità Campagna stava passando di moda, qualcuno si è dimenticato di dirlo a Treyarch, visto che si sono impegnati a dovere in questo settore.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Call of Duty: Black Ops 3

Ma non finisce qui, eh no. La nuova modalità Zombies "Ombre del male" si rivela un diversivo inaspettato, divertente e noir. Si avvale dell'interpretazioni di attori del calibro di Jeff Goldblum, Heather Graham e Ron Perlman nei rispettivi panni di mago, ballerina e boxer. Ciascuno di loro aggiunge un tocco di classe in più, con performance in stile vaudeville che rendono la follia omicida zombie ancora più interessante. Come sempre accade in Zombies, la sfida è quella di sopravvivere a più round possibili, guidati dal punteggio.

Oltre all'atmosfera retrò che si respira in città, c'è anche un'altra novità: la possibilità di trasformarsi in una bestia tentacolare che sfrutta i suoi poteri per farsi strada, raggiungere stanze segrete e più in generale, rendere le cose un po' più movimentate. Anche se siete in una squadra di quattro giocatori, ogni partita si rivela incredibilmente tosta, le strade e i vicoli sono stretti, non abbiamo a disposizione molte vie d'uscita per evitare di farsi prendere dai ghoul. La modalità Zombie è sempre stata abbastanza divertente, ma Le Ombre del Male è davvero uno spasso.

E anche senza toccare la celebre modalità multiplayer, Call of Duty: Black Ops 3 è già così un pacchetto dannatamente completo e divertente. I livelli produttivi sono alle stelle, ma si va ben oltre una semplice e costosissima mano di vernice. Treyarch ha fatto di tutto per dimostrare che il franchising può resistere ai suoi tanti anni di storia, offrendo ancora una volta qualcosa di innovativo, anche dopo tutto questo tempo. Tra tutti i cosiddetti giochi AAA sbarcati su questa attuale generazione di console, Call of Duty: Black Ops 3 è uno di quei pochi titoli che appaiono all'altezza della situazione e delle potenti console su cui si troverà a girare a partire da oggi. Ci saranno, naturalmente, DLC in arrivo nel prossimo futuro. Ma già con i contenuti qui in offerta, siamo convinti che avrete abbastanza pane per i vostri denti per vivere di rendita per un po'. Dovreste essere il più miserabile di cinici per fare a pezzi deliberatamente questo shooter-FPS che è un master-class nel suo genere.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Call of Duty: Black Ops 3

Call of Duty: Black Ops 3 - Modalità multiplayer

Insomma, fino ad ora sembra proprio che Call of Duty: Black Ops 3 abbia davvero parecchie cose da dire. Ma come si comporta nella modalità che, tra tutte, maggiormente interessa i giocatori veterani della serie, ossa la sua componente multiplayer? Scopriamo con questo paragrafo ad hoc.

Dopo Advanced Warfare, i bizzarri potenziamenti in termini di agilità del PvP di Black Ops 3 ci sembrano rallentare quanto visto in precedenza. Prendetelo come un segno distintivo di un team creativo che ha deciso di procedere per la sua strada: Treyarch non ha mai tentato di alzare i livelli di "follia" dei propri giochi. Piuttosto, il percorso che ci spingono a percorrere per riuscire a padroneggiare tutte le nove classi Specialist del gioco - l'ultima resta bloccata fino al livello 46, "Prestige" - è lento e costante. Se dovessimo sintetizzare con una parola la progressione nel PvP di Black Ops 3, potremmo definirla "misurata": sia nel senso che ogni vostra azione viene contata per assegnare EXP, sia perché in questo modo potete assaporare ciascuna classe con calma, dal momento che queste vengono sbloccate un po' per volta. Non dovete pensate a quanto tempo occorrerà per ottenere l'ultima score-streak, "Mothership": vi basta tenere la testa bassa, mentre tentate di avvicinarvi al livello 51.

Call of Duty: Black Ops 3Call of Duty: Black Ops 3

Gli Specialisti aggiungono quell'elemento perfettamente in linea con i tempi che corrono. Ormai siamo sommersi dai film sui supereroi, e Black Ops 3 fa di tutto per offrirci quel genere di personaggi testosteronici tipici degli FPS. Le loro abilità non sono neanche così inverosimili se paragonate, ad esempio, a quelle dei Guardiani di Destiny, ma piuttosto qui troviamo arcieri agili e furtivi (Outrider), un creatore di puro caos (Prophet) e un pistolero (Seraph) che vanta la capacità di oneshottare i nemici. Le loro personalità sono portate alla vita sul campo di battaglia grazie ad alcuni dialoghi ben congeniati, poco prima dell'inizio di ogni round e talvolta durante, a seconda delle vostre performance. Se questo fosse Battlefield, la cosa potrebbe preoccuparvi, ma trattandosi di COD - un gioco che si muove sul filo dell'adrenalina - tali caratteristiche funzionano.

La curva di apprendimento potrebbe sembrarvi lenta e costante, ma è anche incredibilmente profonda. Ognuno dei nove specialisti ha due "speciali" tra cui scegliere, sbloccate con gli stessi token che potreste utilizzare per il load-out. Outrider può portare con sé il proprio arco Sparrow, o il radar Vision Pulse che consente di scannerizzare la zona e di individuare i nemici anche oltre le pareti. Battery ha un lanciagranate o un'armatura cinetica, la quale consente di fare rimbalzare i proiettili sul proprio giubbotto - con grande sorpresa di chi sta tentando di scaricargli addosso l'intero caricatore di una mitraglietta, con il solo risultato di ricevere in cambio un colpo alla testa. Sono tutti divertenti da utilizzare, potenzialmente in grado di migliorare (o di sbilanciare) il gioco, un aspetto che verrà chiarito solo con il tempo. Il fatto che tutti i personaggi sembrino unici, tuttavia, è già un importante risultato. Avrete il vostro bel da fare per riuscire a sviscerare tutti gli Specialisti.

Le armi speciali e le abilità si combinano con i consueti perk presenti in COD, come i vecchi bonus che ci rendono invisibili ai radar, e alcune novità che consentono di ottenere una sorta di "senso di Spider-Man" per indicare la presenza di nemici che si trovano nelle immediate vicinanze. Non abbiamo nemmeno provato a calcolare il numero di combinazioni possibili. Ma, semplificando, le skill essenziali di Black Ops 3 sono la corsa sui muri e il mini jetpack: una volta apprese, potrete iniziare a muovervi come un professionista. Per il resto, il gioco rimane concentrato principalmente sulle armi da fuoco, relativamente non futuristiche.

E così, nonostante i dubbi relativi alla vita del gioco nel prossimo futuro, la cosa più importante che possiamo dire in merito al PvP di Black Ops 3 è che questo gioco è ancora fortemente legato allo stereotipo dei Marine con gli stivali sporchi di fango, ma con più motivi per guardarsi le spalle e tenere d'occhio ogni luccichio dietro agli ostacoli.

La "chiamata alle armi" di questo Call of Duty è di quelle emozionanti, quelle per cui un soldato si dovrebbe davvero preoccupare della propria vita.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Call of Duty: Black Ops 3Call of Duty: Black Ops 3Call of Duty: Black Ops 3
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Il miglior Call of Duty dai tempi di Modern Warfare 2, e tra i candidati al titolo di produzione AAA migliore per le nuove console; Una quantità spaventosa di contenuti.
-
La campagna si fa interessante solo se giocata ai livelli di difficoltà più elevati, in cui la strategia diventa una necessità; Le nuove modalità PvP sono buone, ma non fanno gridare al miracolo immediatamente.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto