Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
articoli

Arriva Playstation Vita

A poco meno di un mese e mezzo dal lancio europeo, torniamo a parlare della nuova generazione di console portatili. Playstation Vita è alle porte: ecco perché non potete perdervela.

22 febbraio. Una data che dovrebbe essere indicata sui calendari come l'avvento della prossima generazione nel campo dell'intrattenimento portatile. Certo, Nintendo 3DS è piacevole con il suo effetto 3D e con le sue molteplici caratteristiche innovative, ma se diamo retta all'hype, PS Vita è essenzialmente una Playstation 3 da infilare in tasca.

PS Vita è la risposta di Sony alla seguente domanda: come si fa a sfondare nel campo delle console portatili? Benché la vecchia PSP ottenne successo in alcuni territori, PS Vita è stata progettata per essere un successo mondiale - con tanta potenza e innovazione per convincere sia i fan di lunga data che i novizi del marchio Playstation.

La prima cosa che colpisce è quanto sia elegante e bello il dispositivo. Estremamente leggero, sorprendentemente ergonomico, e con una vertiginosa serie di opzioni di controllo a portata di mano.

Arriva Playstation Vita

Con un processore quad-core ARM Cortex-A9 MPCore e un quad-core SGX543MP4+ come processore di elaborazione grafica, PS Vita è stata paragonata ad una Playstation 3 sottodimensionata, e con il nuovissimo schermo OLED da 5 pollici (960x544), fa la sua parte per contribuire al raggiungimento di risultati grafici difficilmente immaginabili (fino a quando non si vedono di persona). Sony, ovviamente, ha voluto consentire agli sviluppatori ogni input quando ha progettato la console, e oltre al doppio stick analogico, ai pulsanti frontali e ai pulsanti-spalla, c'è un touch screen, un touch pad posteriore, una serie di giroscopi, e le telecamere anteriore e posteriore (con funzionalità di realtà aumentata).

Le nostre riserve nei confronti di Vita PS sono principalmente identificabili nell'incapacità di Sony di avere reso la PSP un successo nei mercati occidentali. Certo, l'hardware è stato venduto in quantità discrete, ma nell'ultimo paio d'anni è stata essenzialmente una piattaforma morta, anche se occasionalmente è uscito qualche gioco di ottimo livello. Sony non ha capito le esigenze dei giocatori? Finora molta attenzione è stata riposta nei franchise popolari della console domestica, quali Uncharted, Resistance, Wipeout, Motorstorm e Little Big Planet, che arriveranno su PSV. Saranno sufficiente per rendere la nuova console un successo? Il supporto di terze parti verrà influenzato dal rallentamento delle vendite di PSP? Certo, tutti i principali produttori giapponesi sono già a bordo del progetto, ma questo era prevedibile data la popolarità della PSP in Giappone, ma come Activision, EA, Ubisoft e altri tratteranno PS Vita è tutto da verificare. Ci troveremo dei porting PS3 firmati da sviluppatori di seconda scelta? Sarà ovviamente un terreno interessante per i porting nelle prime fasi di vita della console, quando i nuovi proprietari del dispositivo saranno alla ricerca di qualche software decente per la loro nuova console portatile, ma nessuno si augura che tale processo affligga troppo a lungo l'esistenza di PSV.

Arriva Playstation Vita
Resistance: Burning Skies è un esempio dei tanti franchise PS3 che arriveranno su Playstation Vita

Un altro problema è la durata della batteria, cosa che vale anche per Nintendo 3DS e PSP. Sony ha affermato che la batteria Vita dura per 3-5 ore di gioco (5 ore di riproduzione video / 9 ore di ascolto musicale con lo schermo spento). Non molto quando ti trovi a bordo di un volo transatlantico, ma si spera che in seguito i modelli verranno dotati di maggiore autonomia della batteria, e siamo sicuri che vedremo qualche soluzione di terze parti al problema (anche se raramente eleganti).

Un dettaglio molto interessante sulla Vita PS è che, accanto alle versioni retail dei giochi, tutti i titoli saranno disponibili contemporaneamente anche in release digitale. In Giappone, le copie digitali sono meno costose, e si è ipotizzato che ci sarà un sistema simile anche in Europa, con una differenza di prezzo anche del 40 per cento. Se ciò si rivelerà vero, è la dimostrazione di come Sony stia iniziando a capire la realtà del futuro digitale, ma potrà anche attirarsi l'antipatia dei negozianti. Il modello di PSP dedicato al download digitale, PSP Go, è stato praticamente condannato all'oblio anche a causa dei rivenditori, poco interessati a vendere questo modello, e anche se sentimenti simili non sono emersi nei confronti di Playstation Vita, le lamentele potrebbero arrivare presto.

Arriva Playstation Vita
La PSP Go puntò sull'acquisto dei titoli su store digitali: fu un totale fallimento.

Negli ultimi sei mesi abbiamo provato un certo numero di titoli PS Vita, in occasione dell'E3, della Gamescom, del Tokyo Game Show e durante vari eventi minori. È facile intuire come Sony abbia rilasciato il kit di sviluppo per PS Vita già da un pezzo, in quanto vi è stata una sorprendente quantità di titoli presentati già in forma giocabile. Mentre ci sono alcuni punti salienti evidenti, sottoforma di franchise consolidati come Little Big Planet, Uncharted: Golden Abyss, Resistance: Burning Skies e Wipeout 2048 - va anche notato che Sony sta tirando fuori qualche idea nuova per la piattaforma - titoli come Reality Fighters e Little Deviants sono stati progettati da zero per sfruttare le caratteristiche hardware della console. In un certo senso, è quasi un peccato che questi titoli debbano lottare con franchise già conosciuti per meritare un po' di attenzione. Little Deviants, per esempio, potrebbe essere il "Wii Sports" di PS Vita, se sarà spinto a sufficienza - capace di mettere in mostra tutte le diverse caratteristiche hardware con semplici mini-giochi - lasciandoci suggerire a Sony di inserire il gioco in bundle con il dispositivo, o magari includendone una demo decente, in modo che tutti possano provare un paio di mini-giochi e qualche semplice e veloce funzionalità da mostrare ai propri amici. Per ulteriori informazioni su Little Deviants, vi invitiamo a dare uno sguardo alla video-intervista pubblicata in calce all'articolo.

Per quanto riguarda il supporto delle terze parti, gli editori giapponesi sono a buon punto con il dispositivo (la console è già in vendita in Giappone), mentre gli sviluppatori occidentali devono ancora impegnarsi, anche se un titolo della serie Call of Duty è già stato promesso. Pensiamo di attenderci una discreta quantità di porting, e, si spera che questi risultino all'altezza delle loro controparti per console casalinga. Alcuni titoli di terze parti degni di nota includono Lumines Electronic Symphony, Touch My Katamari, Super Monkey Ball: Banana Splitz, e Sumioni, insieme alla consueta offerta di titoli sportivi e di giochi di corse, tipici nel lancio di un nuovo hardware.

Arriva Playstation Vita
Touch my Katamari è uno dei di lancio di terze parti più interessanti

Per ora, non ci resta che concludere dichiarando il nostro più sincero ottimismo nei confronti di questa nuova console che, ripetiamo, arriverà nei negozi a partire dal 22 febbraio prossimo.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità


Caricamento del prossimo contenuto