Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
news
Animal Crossing: New Horizons

Animal Crossing: New Horizons potrebbe essere bannato in Cina per questioni politiche

Il motivo dipenderebbe da alcune frasi pro-Hong Kong che sarebbero apparse nel gioco.

Nintendo Switch ha pubblicato Animal Crossing: New Horizons il 20 marzo, in cui puoi creare la tua isola e fare praticamente tutto quello che vuoi, sta solo a te. Ma a quanto pare questo aspetto per la Cina rappresenta un problema.

Uno dei temi caldi in Cina in questo momento è la crisi politica con Hong Kong, visto che sono oramai diversi mesi che vanno avanti grandi proteste tra le due parti. I giocatori locali hanno deciso di supportare Hong Kong creando contenuti politici all'interno di Animal Crossing: New Horizons. Uno di questi è Joshua Wong, che è noto come il segretario generale di Hong Kong del partito democratico Demosisto. Ha rilasciato alcune dichiarazioni politiche nel gioco e ha condiviso il suo lavoro su Twitter.

Animal Crossing: New Horizons non è stato ancora pubblicato ufficialmente in Cina, ma ovviamente i giocatori hanno trovato il modo di aggirare i limiti ufficiali. Ora potrebbe benissimo accadere che il lancio ufficiale non avvenga mai.

Il premier di Taiwan Su Tseng-chang ha rilasciato una dichiarazione su Facebook, sostenendo che i taiwanesi possono criticare il governo nel gioco e fare tutto ciò che vogliono. Non verrà vietato Animal Crossing a Taiwan.

"La democrazia e la libertà di parola sono i valori più importanti di Taiwan. Tutti possono usare qualsiasi mezzo per dire quello che vogliono dire, per favore, tutti adorano questo stile di vita e giocano il più possibile."

Animal Crossing: New Horizons

Si ringrazia VG247

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto